Latte denso di chufa
Squisito: scopri la ricetta!

0 0
Latte denso di chufa

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Quante volte a settimana

colazione/pranzo/merenda
da testare, più volte a settimana

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • Perdi Peso
  • senza frutta secca
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi
  • senza uova
  • senza zucchero

Goloso e versatile, naturalmente dolce.

  • 30 h
  • Porzioni 1
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Il latte denso di chufa è una golosa scoperta di quest’inverno. Avevo poi lasciato la ricetta da parte e l’ho ripresa recentemente per un corso personalizzato.

Se non conosci la chufa, un piccolo tubero privo di glutine, leggi questo articolo:

La Chufa, questa sconosciuta

Quando ho scoperto la chufa, mi è arrivata sia in farina che in tubercoli (la loro forma originale). Ho utilizzato quasi subito la farina, ma non sapevo cosa fare con i tubercoli decorticati.

Poi dovevo preparare una ricetta con l’OKARA di chufa,  il residuo secco che rimane anche quando prepari il latte di mandorle o di nocciole. Rifacendolo più volte ho diminuito l’acqua da aggiungere nel processo di lavorazione e ho ottenuto un latte molto denso, una specie di panna di chufa.

Non ti sto a dire quanto il latte denso di chufa si a buono e goloso: leggermente dolce e freschissimo. Puoi berlo la mattina a colazione con il caffè, oppure preparare ottimi budini e creme, o ancora utilizzarlo nei dolci in sostituzione al latte di mandorle. Si conserva in bottigliette o in sacchetti nel congelatore. Puoi congelare anche l’okara che rimarrà dalla produzione del latte.

Puoi acquistare i tubercoli di chufa decorticatifarina di chufa fine qui, ricordano alle simpatiche ideatrici della diffusione commerciale della chufa in Italia, che Sara Giulia Tommasi  ti ha suggerito il loro sito:

Chufa Pelata Intera biologica 250

 

Molto utile avere un sacchetto per latte vegetale. Io lo uso tantissimo, anche per sciacquare l’amaranto, che è molto piccolo. Si lava molto facilmente.

Con 250 g di chufa otterrai circa 1 lt di latte denso di chufa e 350 g di okara.

A fine lezione abbiamo anche preparato una fresca bevanda, a base di latte di chufa e ananas, chiamandola “Pina Chufada” in onore della pina colada. Abbiamo semplicemente frullato pari peso di ananas fresco e latte denso di chufa, con qualche cubetto di ghiaccio.

“pina Chufada”
(Visited 1.010 times, 1 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
24 h

ammolla i tubercoli di chufa

Risciacqua bene i tubercoli di chufa e lasciali in frigo in un contenitore, coperti d'acqua per 24 ore.

2
Fatto
6 h

frulla e aggiungi acqua

Risciacqua di nuovo e aggiungi 500 ml di acqua. Frulla il tutto fino ad ottenere un composto fluido. Riponi di nuovo in frigo per 6 ore.

3
Fatto
2 minuti

aggiugi altra acqua

Riprendi la chufa frullata dopo 6 ore. Aggiungi 300 ml di acqua e frulla di nuovo. Se vuoi un latte meno denso aggiungi più acqua. Se lo vuoi più denso aggiungi meno acqua.

4
Fatto
5 minuti

ricava il latte

Trasferisci il composto ottenuto in un sacchetto per latte vegetale oppure in un colino capiente a maglie molto fini. Fai colare il liquido in una brocca strizzando molto bene il sacchetto per latte vegetale o schiacciando bene il residuo nel colino con un cucchiaio.

5
Fatto
2 mesi, gelo

conserva

Riponi il latte ottenuto in una brocca. Resiste 2 giorni in frigo. Si depositerà una parte densa e biancastra sul fondo della brocca. Rifrulla quando lo usi. Oppure versalo in piccole bottigliette di plastica o sacchetti e congela.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Hummus di fave
successiva
Tacchino sfilacciato cotto a bassa temperatura

Aggiungi commento

Translate »