Pane di fave a ciambella
Buonissime: scopri la ricetta!

0 0
Pane di fave a ciambella

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Quante volte a settimana

colazione /pranzo
2 volte a settimana

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • Diabete
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • Patologie Autoimmuni
  • Perdi Peso
  • senza frutta secca
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi
  • senza uova
  • senza zucchero
  • Tiroide

Panini deliziosi, anche da farcire.

  • 55 minuti + lievitazioni
  • Porzioni 12
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Il pane di fave a ciambella è uno degli ultimi nati alla scuoladicucinagrupposanguigno. Le ciambelline sono veramente gradevoli , ben alveolate e asciutte all’interno.

Recentemente vedo molta confusione sull’uso delle sostanze naturali che fanno da impalcatura alla lievitazione delle farine che utilizziamo, soprattutto lo psillio, che va calibrato molto bene per non ottenere l’effetto gomma umida dentro crosta fuori. Fondamentale il rapporto acqua/farina/psillio.

A questo proposito leggi questo articolo:

Psillio repost: 7 errori da non fare quando si usa

E questo:

Fare un buon pane con lievito: istruzioni

Detto questo, il pane di fave a ciambella, se segui le istruzioni, viene benissimo. Poi puoi anche congelarlo, o tagliarlo a metà e farcirlo con frittata, maionese, prosciutto di tacchino, bresaola (gruppi 0 B), pollo alla griglia (gruppi 0 A), e preparare fantastici panini imbottiti.

(Visited 1.434 times, 2 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
10 minuti

prepara gli ingredienti

Riunisci tutti gli ingredienti secchi in una boule (farina di fave, farina di bucce di psillio, origano, sale).
Polverizza la lecitina, lasciandola in freezer prima 10 minuti, con un macinino e versala nell'acqua calda. Stemperaci dentro anche il lievito e lascialo attivare 5 minuti. Aggiungi l'olio.

2
Fatto
1 ora

prepara l'impasto e fai la prima lievitazione

Amalgama il liquido ottenuto con le farine. Deve risultare un impasto piuttosto morbido. Lascia lievitare 1 ora in un grosso stampo, coperto con pellicola, in luogo caldo e riparato.

3
Fatto
50 minuti

sagoma le ciambelle e fai la seconda lievitazione

Riprendi l'impasto quando sarà aumentato sensibilmente di volume. Ungiti per bene le dita. Stacca dei pezzi da 60 g e forma delle palline. Schiacciale leggermente e pratica un buco nel mezzo, con 1 dito unto, ottenendo delle ciambelle. Spennella con poco albume sbattuto e cospargi con origano anche sopra. Lascia lievitare ancora 40 minuti.

4
Fatto
40 minuti circa

cuoci

Cuoci le ciambelle in forno a 170°C per circa 40 minuti. Quando sono raffreddate su una gratella, puoi anche congelarle.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Gnocchi di pastinaca con pesto di rucola
successiva
Panini di grano saraceno e noci

6 Commenti Nascondi i commenti

Ciao Sara cosa ne pensi se al posto della farina di fave uso f.di saraceno chinoa o miglio? Perché le farine di legumi vengono i lievitati troppo asciutti x me’ grazie x la risposta

Prova! saraceno sicuramente viene. Quinoa meglio se mista o nera (con quella nera vengono di sicuro), miglio meglio quello bruno. La dose di acqua leggermente inferiore.

Infornate ora, anche io volevo sapere se posso farle di miglio o quinoa con stesse proporzioni.
Ti mando foto quando sono pronte!!!!!

Prova! di miglio bruno sicuramente vengono, e di quinoa nera anche. Metti un filo meno di acqua. L’impasto deve essere lavorabile

Aggiungi commento

Translate »