Arrosto di baccalà alle mandorle
Baccalà, ovvero merluzzo sotto sale, il pesce più consigliato dal dr Mozzi!

1 0
Arrosto di baccalà alle mandorle

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Ingredienti

Adjust Servings:
per il baccalà
700gr baccalà ammollato va bene anche merluzzo o cernia
80gr mandorle con buccia
15gr capperi dissalati gruppo 0 A AB utilizza olive verdi
1 spicchio aglio
di 1 limone buccia di limone
un pizzico timo
un pizzico maggiorana
un rametto rosmarino tritato
50cl vino bianco secco
50gr olio evo
un pizzico sale fino se necessario
per le zucchine
3 grosse zucchine
80gr pane di legumi anche quinoa o saraceno
30gr scalogno
un pizzico sale fino

Quante volte a settimana

pranzo
cena
1 volta a settimana

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • Diabete
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • Patologie Autoimmuni
  • Perdi Peso
  • senza amidi
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi
  • senza uova
  • senza zucchero
  • Tiroide

Il baccalà è un pesce ideale per tutti i gruppi sanguigni, da gustare quasi tutti i giorni, facile da cucinare e molto digeribile.

  • 20 minuti + la marinatura+ cottura
  • Porzioni 5
  • Facile

Ingredienti

  • per il baccalà

  • per le zucchine

Introduzione

Condividi

L’arrosto di baccalà alle mandorle è un piatto gustoso e di veloce realizzazione, che puoi servire anche alla sera ai tuoi commensali, con sicuro effetto anche su chi non segue la Dieta del gruppo sanguigno.

Buono e versatile il baccalà, questo pesce è spesso consigliato dal dr Mozzi , da mangiare anche tutti i giorni, perchè è molto leggero per il metabolismo.

Forse non tutti sanno la differenza tra baccalà e stoccafisso. In tutta italia viene chiamato baccalà il merluzzo sotto sale, tranne in Veneto e in Friuli. Lì chiamano Baccalà quello che nel resto d’Italia è conosciuto come stoccafisso, ovvero un tipo di merluzzo essiccato al sole dei fiordi svedesi. La differenza sostanziale è nella texture delle carni e nei tempi di rigenerazione: il baccalà sotto sale necessita di almeno due giorni di ammollo in acqua fresca, da cambiare sovente. Se il pezzo è alto anche tre, quattro giorni. Lo stoccafisso (quello essiccato) ha bisogno di almeno una settimana di ammollo più la battitura.

Sul mercato si trovano entrambi già ammollati. Soprattutto in Liguria e Veneto ci sono meravigliosi negozi che vendono solo pesce conservato e soprattutto baccalà di vari tipi, anche già pronto. Poni attenzione perchè a volte viene trattato con calce e bicarbonato (quello già pronto). Per ulteriori approfondimenti sul baccalà, vai a questo articolo.

Qui ho preparato il baccalà  in guisa di arrosto da forno, avendo a disposizione un filettone intero. La marinatura con erbe aromatiche abbondanti e mandorle l’ha reso molto interessante, accostato a delle zucchine ripiene condite con la stessa marinata.

Lo puoi realizzare anche con un filettone di salmone o di cernia.

(Visited 2.340 times, 1 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
10 minuti + marinatrura

prepara il baccalà

Trita grossolanamente le mandorle, dopo averle leggermente tostate in forno per 3 minuti. Dissala e trita i capperi, oppure trita le olive. Trita l'aglio dopo aver tolto il cuore. Togli eventuali spine dal filettone di baccalà . Prepara una marinata con le mandorle, i capperi, l'aglio, la buccia di limone, il vino bianco e l'olio . lascia il pesce nella marinata per almeno 1 ora.

2
Fatto
25 minuti

cuoci il pesce

Disponi il pesce su un foglio di carta forno con tutto il suo condimento tranne 2 cucchaiaiate e arrotolalo per il lungo su se stesso, aiutandoti con la carta forno che chiuderai a caramella, fissando i lati con spago da cucina e anche dando un giro di spago nella parte centrale se necessario. Inforna 25 minuti circa a 170 °C.

3
Fatto
10 minuti

prepara le zucchine

Para le zucchine ai lati, ovvero taglia fondo e picciolo. Tagliale a rondelloni da 3 cm; scava con lo scavino ogni rondella, privandola della parte centrale, facendo attenzione a non rompere la zucchina. Sbriciola il pane, trita lo scalogno e la parte centrale delle zucchine. Fai saltare brevemente lo scalogno in un velo d'olio caldo, unisci la parte centrale delle zucchine, regolando di sale e pepe. Dopo un paio di minuti unisci il pane sbriciolato e cuoci ancora un paio di minuti. Riempi con questa farcia le rondelle di zucchina, premendo bene.

4
Fatto
20 minuti

cuoci le zucchine

Disponi le rondelle di zucchine ripiene su carta forno, irrorale con la marinata tenuta d parte e inforna 20 minuti circa a 170 °C.

5
Fatto
5 minuti

monta il piatto

Dopo aver aperto delicatamente la carta forno che avvolge il baccalà (che sarà tiepido), taglialo a fette spesse 3 cm, con un coltello affilato e facendo attenzione a non disfarlo, data la morbidezza delle carni.
Disponi una fetta di baccalà sul piatto, di fianco due rondelle di zucchine; irrora con l'intingolo di erbe e mandorle.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Involtini di pescespada alle albicocche
successiva
Millefoglie di zucca e merluzzo
precedente
Involtini di pescespada alle albicocche
successiva
Millefoglie di zucca e merluzzo

Aggiungi commento

Translate »