Bisciola valtellinese
Semplice e buonissima: scopri la ricetta!

0 0
Bisciola valtellinese

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Quante volte a settimana

occasioni speciali

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • senza glutine
  • senza lattosio

Il dolce di Natale in Valtellina.

  • 1 ora
  • Porzioni 8
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

La bisciola valtellinese è il dolce di Natale di quella zona, a base di farina di grano saraceno e frutta secca, facilmente riproducibile nello stile alimentare del gruppo sanguigno.

Un dolce povero e ricchissimo di sapore allo stesso tempo, nato dove si coltivava la farina di grano saraceno.

Una leggenda racconta che la bisciola sia nata sul finire del XVIII secolo quando Napoleone si fermò proprio in Valtellina prima di terminare la Prima Campagna d’Italia. In quell’occasione chiese ad un cuoco del posto di preparare un dolce tipico ed egli, con gli ingredienti a disposizione creo “quasi per caso” questo dolce che con il tempo è diventato una specialità tradizionale, preparato proprio in occasione del Natale.

In Valtellina si sente parlare di bisciola, o meglio “Bisciöla“, di panettone valtellinese, ma anche “Pan de fich” e poi il “Panun de Natal“. Tutti sono dolci tipici della Valtellina molto simili tra loro con ingredienti come le noci, l’uvetta e i fichi.

La bisciola valtellinese è una sorta di panettoncino basso molto gustoso e ricco dei profumi della Valtellina. L’impasto originale viene realizzato miscelando farina bianca, farina di grano saraceno o di segale, uova, burro, lievito. Il tutto viene poi arricchito con uvetta, fichi secchi, frutta secca.

La Bisciola sprigiona ad ogni morso tutto il gusto degli ingredienti genuini della Valtellina.

Per realizzarla alla #scuoladicucinagrupposanguigno, abbiamo semplicemente sostituito il burro animale con burro vegetale per dolci:

Burro vegetale per dolci

E aggiunto della farina di bucce di psillio all’impasto:

(Visited 1.443 times, 1 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
10 minuti

prepara gli ingredienti

Trita grossolanamente noci, nocciole e fichi secchi, mescolali con la buccia di limone e l'uva sultanina. Mescola bene la farina di grano saraceno con lo psillio, il bicarbonato, il cremortartaro e il sale. Prepara una teglia con carta forno unta di burro vegetale.

2
Fatto
10 minuti

prepara l'impasto

Monta molto bene 1 uovo con lo zucchero, aggiungi il burro morbido e il latte di mandorle, continuando a montare. Ora amalgama il composto di uovo e burro con le farine. Successivamente unisci la frutta secca ed essiccata. Dai una forma ovale all'impasto, aiutandoti con farina di mandorle, e disponilo sulla teglia. Incidi la bisciola longitudinalmente, per farla lievitare meglio in cottura. Spennella il dolce con il tuorlo rimanente diluito con un paio di cucchiai d'acqua e spolvera con poco zucchero semolato.

3
Fatto
40 minuti circa

cuoci

Cuoci a 160°C per circa 40 minuti. Lascia raffreddare su una gratella, poi taglia a fette.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Challah il pane dello Shabbat
successiva
Zelten trentino
precedente
Challah il pane dello Shabbat
successiva
Zelten trentino

Aggiungi commento

Translate »