Bunet con crumble alle fave di cacao
Squisito, leggero, cremoso e croccante: scopri la ricetta!

0 0
Bunet con crumble alle fave di cacao

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Ingredienti

Adjust Servings:
per il bunet
250ml latte di mandorle
60gr zucchero semolato
40gr amaretti secchi (senza glutine)
40gr cacao amaro
40gr burro di nocciole No gs b AB, sostituisci con noci o mandorle
7 fave di cacao
3gr agar agar
3 uovo
20ml rum
un pizzico sale fino
per il caramello
125gr zucchero semolato
30+80cl acqua naturale
per il crumble
90 gr amaretti secchi (senza glutine)
90gr mandorle con buccia
40gr quinoa soffiata
30gr semi di canapa
12 fave di cacao
30gr zucchero semolato
20gr burro vegetale per dolci puoi utilizzare anche olio di vinacciolo
2 tuorlo

Quante volte a settimana

pranzo
occasioni speciali

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • senza glutine
  • senza lattosio

Dalla tradizione piemontese alla dieta del gruppo sanguigno.

  • 50 minuti
  • Porzioni 8
  • Facile

Ingredienti

  • per il bunet

  • per il caramello

  • per il crumble

Introduzione

Condividi

Il bunet con crumble alle fave di cacao è una vera delizia piemontese, a cui ho aggiunto, per dare croccantezza, un crumble leggeroe facile da realizzare.

Un altro dei miei dessert preferiti al cucchiaio è il bunet, squisitezza piemontese di cacao, latte e nocciole. L’ho accompagnato ad un crumble con fave di cacao e armelline, che ben si sposa alla morbidezza del budino.

Le fave di cacao sono il seme della pianta, cacao purissimo e profumato, l’espressione più integra delle proprietà benefiche dell’alimento che tutti amiamo. La fava di cacao difatti è ricca di teobromina, una sostanza che stimola il sistema nervoso e aiuta la concentrazione. Inoltre troviamo  magnesio, che stimola le endorfine e funziona da antidepressivo. Non mancano calcio, ferro potassio e vitamine del gruppo B. Per finire sono un ottimo antiossidante e stimolatore del metabolismo. Attenzione: il sapore è molto più intenso delle classiche tavolette di cioccolato anche extrafondente. Per questo motivo io le utilizzo in piccole quantità. Inoltre non eccedere perchè il cacao può stimolare eccessivamente il sistema nervoso ed essere infiammante. Per questo motivo il dr Mozzi ora sconsiglia l’uso del cioccolato: le persone lo mangiavano tutti i giorni…..

Puoi fare il crumble e conservarlo in un vaso di vetro, mettendoci la frutta secca più indicata per il tuo gruppo sanguigno, e accompagnarlo a frutta sciroppata, utilizzarlo come base per cheese cakes… oppure mangiarlo come snack o a colazione nel latte di mandorle o canapa: è buonissimo.

Due parole sul caramello:ci sono decine di procedure nel web per fare il caramello, poi spesso in cottura vetrifica e ti ritrovi il flan il budino raffreddato con sotto un disco di caramello indurito. Per ottenere un caramello stabile e liquido, procedi come ti indico sotto: la ricetta è del grande Luca Montersino, maestro pasticcere e insegnante di cucina tra i migliori in Italia.

Un pizzico di sale nelle preparazioni dolci ne esalta i sapori.

I dessert al cucchiaio cotti in forno devono avere un calore dolce ed essere cotti a bagnomaria. Altrimenti le uova contenute cuocciono troppo e il composto si secca. Forno statico per chi ha la funzione.

(Visited 508 times, 1 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
10minuti

prepara il caramello stabile

Metti in un casseruolino lo zucchero con i 30 ml d'acqua a fuoco dolce senza mescolare e senza toccarlo con il cucchiaio.... resisti. Quando diventa biondo e bolle aggiungi di colpo il resto dell'acqua bollente (gli 80 ml) facendo attenzione a non schizzarti : otterrai un caramello liquido e stabile. Fai rimanere il caramello color miele e versalo subito nello stampo o negli stampini monoporzione facendo roteare per raggiungere le pareti.

2
Fatto
5 minuti

prepara gli ingredienti del bunet

Mischia gli ingredienti secchi: amaretti , fave di cacao, nocciole, tutti tritati finemente (nel caso in cui utilizzi nocciole al posto del burro di nocciole). Monta i tuorli con lo zucchero a lungo, incorpora il cacao e il rum, l'agar agar e il burro di nocciole se usi quello. Unisci a filo, sempre con le fruste in azione, il latte di mandorle. Incorpora anche gli ingredienti secchi. Dai una girata con la spatola per sciogliere la schiuma.

3
Fatto
20/30 minuti

cuoci il bunet a bagnomaria

Prepara una casseruola rettangolare che vada nel forno, con dentro due dita d'acqua. . Versa il composto del bunet nello stampo con il caramello, metti lo stampo nella casseruola con l'acqua e inforna a 160 °C per circa 30 minuti. Non deve seccare la superficie. Se usi stampini monoporzione basteranno circa 20 minuti. Fai la vecchia, cara prova stecchino. Raffredda in frigo.

4
Fatto
20 minuti

prepara il crumble

Trita grossolanamente amaretti, mandorle e fave di cacao. Mescolai ai semi di canapa e alla quinoa soffiata. Monta a parte i tuorli con lo zucchero e incorpora successivamente il burro vegetale . Amalgama gli ingredienti secchi con il composto d'uova. Spennella con il burro vegetale un rettangolo di carta forno che vada sulla placca, distendici sopra il crumble, alto un paio di centimetri. Inforna a 160 °C per circa 18 minuti. Fai raffreddare e non mangiartelo appena uscito dal forno, anche se il profumo sarà irresistibile.
Sbriciola grossolanamente una parte del crumble. Ti servirà per il bunet. Il resto riponilo in un barattolo di vetro.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Falafel di ceci e hummus
successiva
Budino di noci con salsa al caffè
precedente
Falafel di ceci e hummus
successiva
Budino di noci con salsa al caffè

Aggiungi commento

Translate »