Canederli tradizionali
Squisiti: scopri la ricetta!

0 0
Canederli tradizionali

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Ingredienti

Adjust Servings:
per i canederli
250 g pane di quinoa/saraceno/legumi
1 cucchiaio farina di bucce di psillio
30 g farina come il pane scelto
230 ml circa latte di mandorle
120 g bresaola/prosciutto tacchino
2 cucchiai lievito in scaglie
1 cucchiaio cipolla tritata
1 cucchiaio erba cipollina tritata
2 uovo
1 cucchiaio olio evo o vinacciolo
1 pizzico pepe nero a mulino no gruppi A AB
a piacere sale fino
per il condimento
3 cucchiai olio evo o vinacciolo
60 g nocciole/noci del brasile
qualche foglia salvia

Quante volte a settimana

pranzo
1 volta a settimana

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi
  • senza zucchero

Dalla tradizione altoatesina.

  • 30 minuti
  • Porzioni 6
  • Media

Ingredienti

  • per i canederli

  • per il condimento

Introduzione

Condividi

I Canederli tradizionali sono un primo piatto del territorio squisito, che puoi realizzare con il pane avanzato.

I Canederli sono un primo piatto tipico diffuso, in Italia, nell’arco alpino centro-orientale e, più precisamente, nella cucina trentina, altoatesina, valtellinese, friulana e dell’alto Veneto. Il nome, che deriva dal tedesco “Knot” (che significa nodo o grumo) ne indica, in parte, le complesse origini. Questo stesso prodotto è infatti diffuso nella cucina tedesca sudorientale, come in quella austriaca, ceca, slovacca e polacca con nomi diversi. La diffusione in tutti questi Paesi comporta, naturalmente, l’esistenza di molte versioni anche molto diverse fra loro. E’ fatto con ingredienti poveri, il pane appunto, qualche pezzettino di speck e burro nella versione basic.

Alla scuoladicucinagrupposanguigno abbiamo preparato i canederli tradizionali partendo da pane di quinoa, tuttavia i gruppi 0 e A possono utilizzare anche il pane di grano saraceno alle noci che trovi sul blog:

Pane di quinoa senza lievito

Pane di grano saraceno e noci

Nei canederli tradizionali lo speck è stato sostituito dalla bresaola. I gruppi A AB possono utilizzare prosciutto di tacchino. Il condimento è a base di olio e nocciole, i gruppi B e AB possono utilizzare le fantastiche noci del Brasile, oppure noci comuni.

(Visited 1.082 times, 1 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
10 minuti

prepara gli ingredienti

Trita molto grossolanamente il pane di quinoa o saraceno o legumi. Taglia la bresaola a cubettini da due mm di spigolo, oppure trita il prosciutto di tacchino. Fai appassire la cipolla in un velo d'olio caldo, aggiungi la bresaola/prosc. tacchino, fai rosolare ancora 1 minuto girando con il cucchiaio di gomma e spegni.

2
Fatto
10 minuti

comincia a preparare l'impasto

Mescola il pane con il lievito in scaglie, la bresaola e il suo intingolo. Mescola il latte di mandorle intiepidito con l'erba cipollina tritata e lo psillio. Incorpora anche le uova al composto di latte di mandorle.

3
Fatto
5 minuti + riposo

completa l'impasto e fai riposare

Amalgama la parte liquida con il pane, con cura, strizzando tutto con le mani e fai riposare 20 minuti. Aggiungi un po' di farina; la quantità deve variare a seconda della consistenza del pane bagnato e può essere valutato nella giusta misura solo con l'esperienza; in genere uno o due cucchiai di farina devono essere sufficienti. La farina può essere ulteriormente diminuita e persino eliminata, specialmente usando il latte tiepido. Regola di sale e pepe.

4
Fatto
10 minuti

confeziona i canederli (Knodel)

Bagnati le dita e forma delle palle da circa 3 cm di diametro, avendo cura di lavorare l'impasto in modo che il pane rimanga poroso e non un pappone unificato. Il knodel non deve essere nè asciutto nè molle. Se è troppo molle non aggiungere farina, bensì pangrattato della varietà scelta.

5
Fatto
10 minuti

cuoci

Lessa i knodel in abbondante acqua salata al piccolo bollore per circa 5/7 minuti. Nel frattempo scalda l'olio con le foglie di salvia e le nocciole/noci del Brasile spezzettate. Scola bene i knodel e condiscili con l'olio alla salvia e nocciole.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Riso rosso al radicchio tardivo
successiva
Gulash alla goriziana con quinoa
precedente
Riso rosso al radicchio tardivo
successiva
Gulash alla goriziana con quinoa

2 Commenti Nascondi i commenti

Aggiungi commento

Translate »