Colomba a cottura veloce
Sorprendente: scopri la ricetta!

0 0
Colomba a cottura veloce

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Nutritional information

occasioni speciali
Features:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi

Una colomba facile da realizzare, che piacerà a tutta la famiglia

  • 1 ora e 30 minuti
  • Serves 12
  • Easy

Ingredients

  • per l'impasto

  • per la glassa

  • per la finitura

Directions

Share

La colomba a cottura veloce è un buon compromesso che si avvicina timidamente a quella originale.

Come forse sai, sono una cuoca professionista e non mi piace chiamare i piatti con i nomi originali se dell’originale non hanno nulla. Vedi panettone, o pizza. Con le farine che lo stile alimentare del gruppo sanguigno suggerisce per i dolci non c’è niente da fare: quell’alveolatura, quella leggerezza non potranno mai esserci, perchè strutturalmente non hanno le caratteristiche per reggere una lievitazione leggera e areata.

Tuttavia alla scuoladicucinagrupposanguigno, alla lezione sui dolci pasquali, abbiamo realizzato queste piccole colombe con un risultato più che soddisfacente.

Per preparare la colomba a cottura veloce è necessario usare stampi massimo da 500 g, meglio anzi realizzare piccole colombine da 100 g, in modo da avere un interno più morbido e meno compatto. Ti sconsiglio vivamente lo stampo da 750g o addirittura quello da 1kg: otterresti un malloppo dal peso specifico uguale a quello del piombo, e una cottura non uniforme, con la parte centrale pesante e indigesta.

[amazon_link asins=’B06XHKGBNV,B06X9VNPZZ’ template=’ProductCarousel’ store=’dentrolacucin-21′ marketplace=’IT’ link_id=’ea66a5d7-50d8-4df6-8fe9-52ab33d7d570′]

Per preparare la colomba a cottura veloce è necessario utilizzare il burro vegetale per dolci, qui trovi la facile e veloce ricetta:

Burro vegetale per dolci

Inoltre il latte di mandorle denso, ottenuto con il comodo latte di mandorle in polvere, che puoi trovare nei negozi bio:

 

Infine la glassa, che viene a dire il vero perfetta, contiene armelline, ovvero le mandorle amare, (l’ingrediente segreto anche per preparare amaretti sublimi), che trovi nei negozi bio oppure online:

[amazon_link asins=’B076B3SWZD’ template=’ProductCarousel’ store=’dentrolacucin-21′ marketplace=’IT’ link_id=’63185445-a38e-4d6a-a10d-e6495d6d8b3e’].

La farina di quinoa utilizzata per la colomba a cottura veloce è termotrattata in forno per 3 ore a 90°C: in questo modo perde il sapore amaro e l’odore sgradevole.

(Visited 5.355 times, 3 visits today)

Steps

1
Done
25 minuti

prepara gli ingredienti

Mescola con cura la farina di quinoa con quella di mandorle, lo psillio, il bicarbonato e il sale. Taglia a cubetti la frutta candita.
Monta per almeno 8 minuti i tuorli con lo zucchero. Incorpora il burro, la buccia di limone e per ultimo il latte di mandorle. Monta gli albumi e quando schiumano inserisci il cremortartaro e finisci di montare a neve ferma in tutto per 15 minuti.

2
Done
5 minuti

prepara la glassa

Frulla le mandorle bianche con le armelline e lo zucchero, poi aggiungi l'albume sbattendo con un frustino o una forchetta. Deve essere un composto cremoso

3
Done
5 minuti

prepara il composto della colomba

Amalgama con una spatola la parte fluida dei tuorli con l'albume e le farine a pioggia, alternandoli, con un movimento rotatorio, tipo betoniera. Trasferisci in 2 stampi da colomba da 500 g oppure in 7 piccoli da 100 g. Cospargi con la glassa e ricopri di mandorle intere. Spolvera con zucchero a velo.

4
Done
1 ora abbondante

cuoci

Per lo stampo da 500 g.: inforna a 180 °C per circa 20 minuti, fino a quando la glassa è rassodata. Poi un'altra ora a 170°C coperta con foglio di alluminio. Per gli stampi da 100 g: sempre 20 minuti a 180°C poi coperti con alluminio a 160°C altri 25/30 minuti. In ogni caso fai la prova stecchino

SaraGiulia

previous
Crescia marchigiana pasquale
next
Impanate pasquali ragusane
previous
Crescia marchigiana pasquale
next
Impanate pasquali ragusane

17 Comments Hide Comments

certamente. Tuttavia il sapore sarà molto forte e più grossolano. Hai provato a pretrattare la farina di quinoa in forno per 3 ore a 90 °C come facciamo noi? va via l’odore e l’amaro e rimane molto più leggera.

nono è perfetto. se ti avaza impasto fai dei muffincolomba, sono carinissimi li abbiamo fatti anche noi (cuociono in meno tempo ovviamente)

Ciao Sara, quando parli di pretrattare la farina di quinoa, intendi dal chicco oppure va bene anche da farina di quinoa comprata. Mi spiego meglio: sul sito parli di desaponare la quinoa partendo dal chicco; qui invece, mi sembra di capire che si può ottenere lo stesso risultato, ma il trattamento viene fatto direttamente alla farina.
Puoi chiarirmi questo dubbio? Ti ringrazio molto😊

si’ puoi fare il trattamento direttamente dalla farina, c’è scritto anche nella ricetta a partire da chicco. 😊 Non avrai lo stesso risultato pazzesco, tutta via l’amaro se ne va e diventa molto più digeribile (la farina)

Grazie Sara purtroppo la quinoa (come l’amaranto) non posso usarla (mi uccide) e dal momento che la voglio mangiare anch’io …devo scegliere tra miglio e chufa, cosa mi consigli tra le due?

Bene!!! no devi usare la dose di liquido che c’è scritta nelle ricette e mescolarci dentro il 15% di latte di mandorle in polvere

Add Your Comment

Translate »