• Home
  • agnello
  • Costolette di agnello al miele con marò di fave

Costolette di agnello al miele con marò di fave
Squisite le costolette cucinate in questo modo. Provale!

0 0
Costolette di agnello al miele con marò di fave

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredients

Adjust Servings:
per le costolette
4 agnello (costolette) grandi
un pizzico erbe aromatiche
1 cucchiaio miele
20 gr olio evo
un pizzico pepe nero a mulino no gs AB
un pizzico sale fino
per il marò
150gr fave sgusciate private anche della pellicina
qualche fogliolina menta fresca
1 spicchio aglio facoltativo
qualche goccia succo di limone
30gr olio evo
un pizzico sale fino

Nutritional information

pranzo
cena
1 volta a settimana

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Features:
  • gruppo 0
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • Perdi Peso
  • senza frutta secca
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi
  • senza uova

L'agnello è un super alimento per il gruppo 0, B e AB. Accostato alle fave fresche per un piatto completo, gustoso e salutare.

  • 35 minuti
  • Serves 4
  • Easy

Ingredients

  • per le costolette

  • per il marò

Directions

Share

Le costolette di agnello al miele con marò di fave sono un piatto squisito e completo, accompagnato da una bella insalata di cicorino tagliato fine.

Il marò di fave è un pesto di fave fresche tipico della Liguria di Ponente: un modo fresco di utilizzare le fave in stagione, che si accompagnano felicemente alle costolette al miele.

Le fave fresche, come piselli , taccole e fagiolini, pur essendo legumi si possono mangiare anche la sera, avendo una densità amidacea molto inferiore al legume secco.

L’agnellone l’ho preso dal mio mitico macellaio di fiducia, fatto arrivare dal suo amico che alleva e macella gli agnelli al momento giusto, non quando sono ancora piccolissimi. Le carni di questo tipo richiedono una cottura più lunga, data la consistenza e la fibra da animale allevato libero. Quando acquisto i pezzi (coscia, spalla, costolette, trita) ripulisco bene con un coltello da carne (boucher) le costolette e i pezzi interi, da grasso e cartilagini, poi congelo sottovuoto, in modo da conservare al meglio le carni.  Spesso riponendo in sacchetti comuni da alimenti, nel congelatore si formano gristalli di ghiaccio che rompono le fibre della carne. In questo modo, quando scongeli, gran parte dei succhi se ne vanno con il ghiaccio sciolto e la carne risulta più stopposa.

La carne di agnello è molto consigliata per il gruppo B, il Nomade; anche agli 0 fa bene, è una delle mie carni preferite e la digerisco benissimo.

Utilizzo raramente il miele cotto, che subisce alterazioni organolettiche. In questo caso viene appena sciolto sulle carni.

(Visited 482 times, 1 visits today)

Steps

1
Done
5 minuti

prepara il pesto di fave fresche

Togli la pellicina alle fave sgusciate e tritale al mixer con la menta, un pizzico di sale grosso e uno spicchio d'aglio sbucciato e senz'anima. Quando il trito è omogeneo, aggiungi il succo di limone, una macinata di pepe e un filo d'olio fino a ottenere una salsa leggermente fluida,

2
Done
5 minuti

prepara le costolette

Trita finemente le erbe aromatiche e mescolale al miele. Spennella le costolette con l'olio.

3
Done
20 minuti

cuoci le costolette

Metti una padella aderente sul fuoco medio. Quando è calda cuoci le costolette da tutti i lati. Quando sono cotte regola di sale. Alla fine cospargi con il miele aromatizzato e lascia insaporire per un paio di minuti.

SaraGiulia

Recipe Reviews

There are no reviews for this recipe yet, use a form below to write your review
previous
Rosti burgher con spinacine di tacchino
next
Il vero pollo al curry con riso basmati integrale
previous
Rosti burgher con spinacine di tacchino
next
Il vero pollo al curry con riso basmati integrale

3 Comments Hide Comments

Add Your Comment

Translate »