Crackers di lupini e nocciole
Buoni e senza retrogusto amarognolo: scopri la ricetta!

0 0
Crackers di lupini e nocciole

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredients

Adjust Servings:
200gr farina di lupini (denaturata)
100gr nocciole
50gr semi di canapa
20gr semi di sesamo bianchi
180ml circa acqua naturale
30ml olio di vinacciolo
5gr bicarbonato
a piacere erbe aromatiche
a piacere sale fino

Nutritional information

colazione
pranzo
1 volta a settimana

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Features:
  • Diabete
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • Perdi Peso
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza uova
  • senza zucchero
  • Tiroide

Un cracker veloce da realizzare e ricco di gusto.

  • 30 minuti + riposo
  • Serves 24
  • Easy

Ingredients

Directions

Share

I crackers di lupini e nocciole li ho preparati al volo, per uno snack da portare al mio fidanzato, chiusi in un contenitore di plastica. Ho utilizzato farina di lupini, che mi piace molto, denaturata . e con nessuna traccia di amarognolo e nocciole tostate: buonissimi!. Metto sempre frutta secca nelle preparazioni da forno, sia perchè è buonissima, sia perchè rallenta l’assorbimento degli amidi e degli zuccheri. Anche gli ottimi semi di canapa hanno reso croccanti e friabili questi crackers, mille volte più buoni di quelli convenzionali.

Ti ricordo che la denaturazione delle farine di legumi le rende molto più digeribili e lavorabili. Molti denaturano in padella per un quarto d’ora, oppure in frigo per una notte: non è la stessa cosa che passare queste farine in forno a 90 °C per tre ore, procedura ottimale per rendere al meglio il prodotto. Spesso leggo scorciatoie casalinghe che non danno i medesimi risultati dei processi professionali: cucinare non è arrangiare insieme degli alimenti, è un atto preciso, un richiamo alla presenza e all’attenzione. Per cucinare ci vuole tempo e soprattutto organizzazione sia che ti piaccia farlo, sia che tu debba farlo per la tua famiglia;  lo sapeva bene mia madre, donna splendida che detestava cucinare, quindi in cucina non ci stava proprio, comperava tutto già fatto! Se sei come lei hai tutta la mia comprensione: è una faticaccia e orientati decisamente su cose semplici.

(Visited 2.530 times, 1 visits today)

Steps

1
Done
5 minuti + riposo

prepara l'impasto

Tosta le nocciole 5 minuti in forno a 180 °C, poi tritale finemente. Unisci l'acqua con l'olio in una brocca. Mescola tutti gli ingredienti secchi, ( farina di lupini, nocciole tritate, semi di canapa, aromatiche, bicarbonato, sale) anche nell'impastatrice. Aziona e versa a filo il liquido fino ad ottenere un impasto morbido e omogeneo: vacci piano con il liquido, forse ti servirà un po 'più di acqua, se invece l'impasto dovesse risultare troppo morbido per essere lavorato, aggiungi farina. lascia riposare a temperatura ambiente per mezz'ora.

2
Done
5 minuti

confeziona i crackers

Trasferisci l'impasto su carta forno unta d'olio, che andrà dentro una teglia rettangolare. Schiaccia l'impasto, copri con un'altro foglio di carta forno unto. Appiattisci uniformemente con il mattarello o con un rullo a mezzo cm di altezza, lavorando sopra il foglio di carta forno. Ora sollevalo e con una rotella liscia taglia l'impasto steso a quadrati o rettangoli o nella forma che più ti piace. Spennela i crackers con un filo d'olio mescolato con un goccio d'acqua. Cospargi di semi di sesamo.

3
Done
25 minuti circa

cuoci i crackers

Inforna 25 minuti circa a 160 °C. Poi lascia raffreddare i crackers nel forno con lo sportello semichiuso: diventeranno molto croccanti. Attendi che si raffreddino e poi staccali con le mani. Conservali in un vaso di vetro (se te ne avanzano).

SaraGiulia

Recipe Reviews

There are no reviews for this recipe yet, use a form below to write your review
previous
Crackers di quinoa e mandorle
next
Cialde di quinoa nera
previous
Crackers di quinoa e mandorle
next
Cialde di quinoa nera

2 Comments Hide Comments

ho provato a realizzare questa ricetta, non avendo i semi di canapa ho usato la farina di canapa, (non so se ho fatto bene) con le stesse dosi, il risultato è stato un impasto a cui ho dovuto aggiungere più acqua perché faceva fatica acompattarsi. Dopo la pausa di mezz’ora, l’ho steso formando uno spessore di mezzo centimetro, poi ho infornato a 160° ma dopo 25 minuti mi rimanevano ancora umidi dentro. Ho prolungato la cottura per altri 10 minuti.sono risultati croccanti.

L’idratazione di queste farine è molto varia a seconda anche della marca. La farina di canapa è molto più collosa dei semi. Hai ftto bene a d adattarla al tuo forno. Anche la capacità termica dei forni varia molto.

Add Your Comment

Translate »