Crackers di quinoa e mandorle
Buoni, croccanti, friabili: provali con un velo di marmellata!

0 0
Crackers di quinoa e mandorle

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Ingredienti

Adjust Servings:
200gr farina di quinoa
100gr fiocchi di quinoa
100gr farina di mandorle
200ml circa acqua naturale calda
30ml olio di vinacciolo
5gr farina di semi di psillium
a piacere erbe aromatiche miste facoltativo
5gr bicarbonato
3 pizzichi sale fino

Quante volte a settimana

colazione
pranzo
1 volta a settimana

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi
  • senza uova
  • senza zucchero

Gustosi crackers abbinabili a qualsiasi alimento dolce o salato!

  • 25 minuti + riposo
  • Porzioni 24
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

I crackers di quinoa e mandorle sono più leggeri di quelli fatti con i cereali. Inoltre li puoi abbinare praticamente a qualsiasi altro alimento. Puoi gustarli la mattina con un velo di confettura o nel primo pomeriggio per uno snack veloce.

La frutta secca rallenta l’assorbimento degli amidi contenuti nei cereali, negli pseudo e nei legumi, quindi ha una funzione salutare, oltre a rendere i crackers più croccanti e gustosi. La tostatura elimina dalla frutta secca gli antinutrienti, rendendola più assimilabile (oltre che più buona). Tieni presente che se ne mangi tre o quattro, hai esurito la dose quotidiana di frutta secca cosigliata dal dottor Mozzi.

L’aggiunta di quinoa in fiocchi non è casuale:  rende i crackers molto più friabili e meno stopposi.

La farina di bucce di psillio serve a tenere ben insieme l’impasto, oltre che a conferire morbidezza ai crackers.

Ho fatto molte prove e molti crackers legnosi, di quelli che ti si piantano sullo stomaco perché troppo duri e indigesti… poi ho trovato la giusta composizione, questa.

Anche il riposo dell’impasto non è un optional: qualsiasi farina impastata ( e queste senza glutine in particolare) ha bisogno di un tempo di distensione e amalgama con l’acqua e gli altri ingredienti.

(Visited 1.834 times, 1 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
5 minuti + riposo

prepara l'impasto dei crackers

Tosta a secco la farina di mandorle in padella , per un paio di minuti girando spesso con una spatola. Riunisci in una terrina gli ingredienti secchi (farina e fiocchi di quinoa, farina di mandorle tostata, bicarbonato, sale ed aromatiche se le usi). Versa la farina di psillium in una brocca con l'acqua calda e l'olio, e mescola. Amalgama la parte secca con quella liquida e ottieni un composto morbido e malleabile. fai riposare coperto con peellicola a temperatura ambiente per mezz'ora.

2
Fatto
5 minuti

confeziona i crackers

Stendi l'impasto tra due fogli di carta forno unti con olio, con un mattarello, allo spessore di pochi millimetri. Togli quello superiore e riquadra i crackers con una rotella unta con olio.

3
Fatto
20 minuti

cuoci i crackers

Inforna a 160 °C per 20 minuti circa, poi spegni il forno e lascia asciugare i crackers con lo sportello semichiuso. Si seccheranno raffreddandosi lentamente.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Crackers di miglio e semi
successiva
Crackers di lupini e nocciole
precedente
Crackers di miglio e semi
successiva
Crackers di lupini e nocciole

2 Commenti Nascondi i commenti

Ciao, ho cominciato da poco a seguire la dieta del gruppo sanguigno e trovo il tuo sito veramente utile e di facile consultazione. Vorrei farmi una domanda in merito alla ricetta, parli di farna di semi di carrube ma poi non c’è negli ingredienti. Qual è la quantità da utilizzare ? A quale punto della ricetta? Grazie

Ciao Leandra, mi fa piacere che trovi il blog utile per le tue ricette. Nell’introduzione ho scritto fcarrube al posto di farina di semi di psillio, quella che c’è veramente nella ricetta. Ora ho messo a posto. Grazie per avermelo fatto notare. Molte ricette sono trasferite dal vecchio blog e a volte compare qualche errore di battitura. 🙂 quindi nella ricetta non c’è la farina di carrube, solo quella di psillio.

Aggiungi commento

Translate »