Dado vegetale essiccato
Mai più senza!

0 0
Dado vegetale essiccato

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Ingredienti

Adjust Servings:
1 kg carota
1 kg sedano
500gr cipolla bionda
3 fese aglio
un ciuffo rosmarino

Quante volte a settimana

tutto il giorno

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • Diabete
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • Patologie Autoimmuni
  • Perdi Peso
  • senza amidi
  • senza frutta secca
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi
  • senza uova
  • senza zucchero
  • Tiroide

Un prodotto utilissimo in cucina. Sano e molto più gustoso di quelli che acquisti.

  • 15minuti +24 ore
  • Porzioni 400
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Il dado vegetale essiccato è qualcosa di veramente buono e utilissimo per molte preparazioni. La lunghezza dei tempi di essicazione è ripagata da un prodotto profumato e intenso, che poi utilizzerai velocemente per brodi, salse, basi di cottura di cereali, pseudo e legumi.

Non avevo mai preparato il dado, anche se era nelle mie ricette stand-by e ogni volta che passavo davanti all’essicatore mi diceva “dado! dado!”. Finalmente l’ho fatto, complice una borsata di ortaggi freschi, presi alla Coldiretti di Lodi.

Dunque… di dadi ce ne sono a centinaia nei blog, essiccati, polverizzati, in poltiglia, congelati etc… questo è semplicemente verdura tritata ed essiccata.

E già, ci vuole l’essicatore. Quello che posso dirti è che l’essicatore è uno degli strumenti base per una buona e sana cucina, tipo quella che cerchiamo di fare per i gruppi sanguigni. Se non lo possiedi, comincia a scrivere a Babbo Natale, a tuo marito per l’anniversario, ai tuoi amici riuniti per il compleanno. Se ti stai per sposare non perdere un minuto e aggiungilo alla lista nozze. Se tua madre ce l’ha vai da lei e fai il dado…

L’essicatore ti permette di fare questo sublime dado e molte altre cose utili. Cips di barbabietola, zucchine, carote etc… da fare invidia alle patatine fritte e da rifilare ai tuoi figli. Di essiccare partite intere di ortaggi e frutta che magari il tuo orto scellerato sforna tutte di colpo, oppure che trovi in qualche mercato di qualità e a buon prezzo. Di fare il pane esseno e i crackers senza cottura… che presto vedrai tra le mie ricette. E non solo, voglio lanciarmi nel fare una cosa buonissima: il beef jerky, la carne di manzo essiccata americana che troverai nel libro che sto per pubblicare. Tutta roba supernutriente perchè l’essicatore non cuoce, quindi preserva enzimi e vitamine.

A questo proposito se hai intenzione di acquistarlo, comprane uno “serio”. Ce ne sono molti a basso prezzo, quelli circolari, dove l’aria invece non circola bene e gli alimenti rimangono molli. Inoltre non sono dotati di regolazione precisa della temperatura, quindi non riesci a fare l’essicazione aurea, quella a 42°C, che mantiene proprio tutto, come se l’alimento fosse crudo.

Con questo tipo di essicazione ci vorrano circa 16/24 ore, a seconda dello spessore, dell’acqua contenuta negli ortaggi e del tipo di ortaggi…. quando passi davanti all’essicatore controlla e togli gli ortaggi già bene asciutti.

Tornando al nostro dado, ci puoi mettere tutti gli ortaggi che ti piacciono, secondo il tuo gruppo sanguigno. Voglio dire, a parte i canonici sedanocarotecipolle, anche porro, aglio, aromatiche, zucchine, funghi, finocchi, spinaci, borragine, pomodorini e chi più ne ha più ne metta. Inoltre con l’essicatura non hai bisogno di aggiungere sale per la conservazione, perchè il prodotto è totalmente privato di umidità in sicurezza.

Ad esempio, ieri ho cotto la quinoa con un  procedimento che ti consiglio, qui, e ho aggiunto all’acqua di cottura un pizzicone di dado vegetale essiccato. Il profumo intenso si è sparso per la cucina, profumo buono, come di ortaggi appena colti. Il sapore poi era notevole, anche solo condita con un filo d’olio.

Il dado vegetale essiccato si conserva per mesi chiuso in barattolini sterilizzati negli stipetti della tua cucina. E’ anche un’idea regalo intelligente e sicuramente gradita.

… e non so se hai mai acquistato ortaggi assiccati: come dal gioielliere, per il lungo processo di lavorazione. Gratis a casa.

E siccome suono buona (non è vero!), ti dò anche l’alternativa senza essicatore, a cui dovrai aggiungere 1/3 di sale per la conservazione. 

  • Trita gli ortaggi e strizzali bene dall’acqua. Pesali e aggiungi 1/3 del peso di sale fino.
  • Disponili in strati sottili sulla carta forno e inforna per 5, 6 ore a 80 °C , smuovendo e girando gli ortaggi con una forchetta ogni mezz’ora, per favorire l’asciugamento. Forse ci vorrà anche più tempo, devi sentire il tutto ben asciugato.
  • Frulla gli ortaggi asciugati in forno, devono essere come briciole. Conserva in vasetti di vetro sterilizzati, fuori frigo.

Ed ora, un paio di consigli sull’essicatore. Io ho quello tutto in acciaio, ma va benissimo anche quello in lega plastificata. Acquista anche i fogli di silpak su cui distendere gli ortaggi, senza passerai alcune ore a staccare i pezzettini di verdura dalle griglie dei vassoi….

 

 

 

(Visited 3.452 times, 8 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
5 minuti

prepara gli ortaggi

Trita finemente con il cutter gli ortaggi, uno per uno, avendo cura di togliere l'anima all'aglio se lo utilizzi.

2
Fatto
12/24 ore

essica gli ortaggi

Disponi gli ortaggi sui fogli di silpak sopra i vassoi dell'essicatore, in strati sottili e uniformi. Inserisci nell'essicatore e avvia in modalità 42 °C se ce l'hai, oppure al programma più basso. Controlla dopo 10 ore se qualche ortaggio è pronto.... togli dall'essicatore quando tutto è perfettamente essiccato.

3
Fatto
5 minuti

confeziona il dado

Riunisci tutti gli ortaggi e le aromatiche essiccate nel robot da cucina e frulla fino alla consistenza desiderata. Trasferisci gli ortaggi tritati in piccoli vasetti di vetro sterilizzati e conserva nella dispensa.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Cucinare la quinoa: la ricetta perfetta
successiva
Riso basmati con pesto di sedano verde
precedente
Cucinare la quinoa: la ricetta perfetta
successiva
Riso basmati con pesto di sedano verde

2 Commenti Nascondi i commenti

Sul link indicato in fondo all’introduzione all’articolo. Ci sono gli essicatori, poi scorrendo, per ultimi trovi i fogli di silpak che acquisto io. 🙂

Aggiungi commento

Translate »