Far breton alle prugne secche
Lasciati conquistare dalla delicatezza e dall'intenso profumo di questo dolce!

0 0
Far breton alle prugne secche

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Ingredienti

Adjust Servings:
400 ml latte di mandorle
100 g panna di soya
200 g prugne secche al netto del nocciolo
60 g farina di mandorle
60 g farina di quinoa
60 g zucchero semolato
4 uovo
50ml cognac
30 g burro vegetale per dolci
1 cucchiaino buccia di limone
1 pizzico vaniglia polpa no gs 0
1 pizzico sale fino

Quante volte a settimana

pranzo
occasioni speciali

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi

Dalla tradizione di campagna francese, un dolce facile da realizzare .

  • 1 ora
  • Porzioni 6
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Il far breton alle prugne secche è un dolce francese che ti sorprenderà per delicatezza e gusto.

E’ sostanzialmente un flan di latte con delle prugne secche denocciolate. E’ uno di quei dolci che ci regala la tradizione francese di campagna, semplice e che ti conquista con la sua delicatezza e il suo intenso profumo di Cognac. Ci sono varie scuole di cottura e altezza del dolce. C’è chi lo cuoce per tutto il tempo a 200 gradi, chi lo cuoce per due ore a 180… questa è la mia versione. Puoi utilizzare anche altra frutta essiccata, come albicocche o fichi. Assomiglia ad un altro delizioso dessert francese: il clafoutis, che si realizza esclusivamente con ciliegie nere. O anche al flaugnarde di more , o a quello di pere.

Amo questo tipo di dolci al cucchiaio, semplici, a base di frutta, con una leggera crosticina. Al contrario non mi sono mai piaciute le creme dolci a base di latte, forse perchè istintivamente il mio corpo sapeva che il latte proprio non mi fa bene.

Il far breton alle prugne secche è così buono, fragrante e morbido perchè contiene burro vegetale per dolci, la chicca elaborata dalla scuolaDecisamente non sostituibile dall’olio!. Qui la facile ricetta, tuilzzalo anche per crostate e biscotti: sentirai la differenza!:

Burro vegetale per dolci

Il sale esalta i sapori dolci nelle preparazioni.

Per realizzarlo ho utilizzato:

(Visited 3.707 times, 1 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
5 minuti

prepara gli ingredienti del far

Preriscalda il forno a 200° e ungi con burro vegetale uno teglia in ceramica, da forno, diametro almeno 22.
Metti a bagno le prugne della California nel cognac appena intiepidito. Scalda appena il latte di mandorle a fuoco dolce, senza portare ad ebollizione, con i semi di vaniglia, il burro vegetale e il sale. Togli dal fuoco e unisci la panna di soia, la scorza di limone e il rum rimasto dall'ammollo delle prugne.

2
Fatto
10 minuti

prepara il composto del far

Mescola le due farine con lo zucchero e incorpora le uova, una alla volta, montando il composto con una frusta elettrica. Unisci a filo anche la parte liquida, lavorando con la frusta fino a quando il composto è omogeneo. Versa nello stampo, distribuisci sopra le prugne scolate che affonderanno.

3
Fatto
50 minuti

cuoci il far

Inforna per 50 minuti, i primi 10 coperto con alluminio a 200°C, poi togli l'allumino e abbassa a 180 C°. Servilo freddo o tiepido, cosparso di zucchero a velo. Conserva in frigo la porzione che non mangi.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Budino di noci con salsa al caffè
successiva
Flaugnarde di pere alla cannella
precedente
Budino di noci con salsa al caffè
successiva
Flaugnarde di pere alla cannella

4 Commenti Nascondi i commenti

ciao Elisa, grazie dell’appunto. Ho trasferito questa ricetta insieme a molte altre dal vecchio blog e ho perso qualche pezzo. Ora è tutto a posto. 🙂

No se no l’averi fatta! non c’è neanche di mandorle. Le ricette che ci sono on giro sul web decisamente non mi soddisfano, contengono molto olio e il sapore e la consistenza lasciano a desiderare. La panna di soia commerciale contiene molti additivi necessari alla sospensione. Io quando la uso (molto rararmente, solo per alcuni dolci al cucchiaio, acquisto la meno peggio nei negozi bio).

Aggiungi commento

Translate »