Gnocchi in salsa di baccalà
Provali: la salsa ti conquisterà!

0 0
Gnocchi in salsa di baccalà

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Ingredienti

Adjust Servings:
per gli gnocchi
600gr patate farinose no gruppo 0 A, gruppo 0 utilizza patate americane binache, gurppo A topinambur o pastinaca
200gr circa farina di quinoa gruppo 0 A anche farina di grano saraceno
20 gr farina di semi di carrube
3 tuorlo
un pizzico pepe nero a mulino no gruppo A AB
a piacere sale fino
per la salsa di baccalà
300gr stoccafisso (ammollato) puoi utilizzare anche baccalà dissalato
150gr cipolla bianca netto
100gr latte di mandorle
60gr olio evo
30gr farina di quinoa
3 acciughe sotto sale solo 0, B sostituisci con capperi, A AB sostituisci con olive verdi
un ciuffo prezzemolo
a piacere sale fino se usi baccalà dissalato attenzione!

Quante volte a settimana

pranzo
occasioni speciali

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • senza frutta secca
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi
  • senza zucchero

Gnocchi stabili, che non si disfano in cottura, con una salsa vellutata incredibilmente buona : scopri la ricetta.

  • 1 ora
  • Porzioni 4
  • Media

Ingredienti

  • per gli gnocchi

  • per la salsa di baccalà

Introduzione

Condividi

Gli gnocchi in salsa di baccalà sono un piatto veramente squisito, tradotto dalla cucina veneta per la dieta del gruppo sanguigno.

Adoro il baccalà come forse già sai, e partendo dalla ricetta del baccalà alla vicentina, che presto vedrai sul blog, ho creato questa salsa vellutata, perfetta per condire gli gnocchi. Gli gnocchi sono il punto delicato: sia che utilizzi patate comuni farinose (solo gs B AB), sia che utilizzi patate americane, la nota dolente è “come farli stare insieme???”.  Anche in altre ricette  ho utilizzato farina di quinoa o farina di grano saraceno (combinazione delicata, accettabile e non di uso frequente, data la presenza di due amidi diversi). Con gli pseudo gli gnocchi vengono molto fragili, bisogna lavorarli con grande attenzione, pena il disfacimento. In ogni caso abbino sempre tuorlo, per rendere più compatto il composto e faccio asciugare molto bene in forno le patate, prima di lavorarle.

Ho aggiunto farina di semi di carrube per aumentare la coesione degli gnocchi. Pui utilizzare altri gelificanti, come la farina di psillium o il kuzu (un tubero molto coltivato in Giappone).

Il gruppo A li può realizzare con la pastinaca (la nonna delle patate) , che si utilizzava moltissimo in tutta Europa prima delle spedizioni colombiane che hanno importato le patate dall’America e anzi, fino al Seicento. Oppure puoi realizzarli con topinambur. Trattandoli esattamente come le patate.

Per baccalà in questo caso si intende, alla veneta,  lo stoccafisso. Lo puoi trovare già ammollato nei maggiori supermercati e nelle pescherie fornite. Io lo preferisco a quello salato. Provalo è qualcosa di troppo buono! Per ulteriori approfondimenti sul baccalà, vai a questo articolo.

(Visited 813 times, 2 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
40 minuti

prepara gli ingredienti

Lessa le patate a partire da acqua fredda salata, passale con la buccia in forno 5 minuti ad asciugare. Schiacciale con lo schiacciapatate, regola di sale, pepe e noce moscata, unisci la farina di quinoa mescolata a quella di semi di carrube e i tuorli. ottieni un composto sodo e morbido allo stesso tempo. Se utilizzi patate americane cuocile direttamente in forno, avvolte singolarmente in fogli di alluminio, per circa 30 minuti a 180 °C, poi sbucciale, schiacciale e procedi come con le patate comuni. Se utilizzi topinambur procedi come per le patate comuni.

2
Fatto
10 minuti

fai gli gnocchi

Prendi l'impasto di patate e lavoralo su un piano infarinato, preparando dei cordoncini da 1 cm di spessore che taglierai con un coltello. Poi riga i pezzeti formando gli gnocchi. Attenzione a non schiacciare troppo, altrimenti esce l'amido e si spappolano.

3
Fatto
40 minuti

prepara la salsa di baccalà

Taglia a rettangoli da almeno 3x4cm il baccalà, dopo averlo privato di lische e pelle. Infarina leggermente con farina di quinoa. Taglia al velo le cipolle, spezzetta le acciughe o trita i capperi o le olive. Fai brasare molto lentamente le cipolle con le acciughe (o capperi o olive) nell'olio, possibilmente in un wok. Quando sono lucide e morbide aggiungi il baccalà, mescolandolo bene con le cipolle. Irrora con il latte di mandorle e prosegui la cottura per altri 40 minuti circa, mescolando con delicatezza. Deve risultare una crema in cui vedi i pezzi di baccalà disfatti. Per tutto il tempo cuoci con coperchio.

4
Fatto
10 minuti

cuoci gli gnocchi e monta il piatto

Fai lessare per 3 minuti circa gli gnocchi in abbondante acqua salata; non prelevarli appena vengono a galla, le farine di pseudocereali hanno bisogno di qualche minuto in più rispetto agli gnocchi tradizionali. Versali nella salsa di baccalà, fai mantecare un paio di minuti e servi cosparsi di prezzemolo.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Gnocchi di zucca ai funghi
successiva
Gnocchi al radicchio in salsa alla toma di capra
precedente
Gnocchi di zucca ai funghi
successiva
Gnocchi al radicchio in salsa alla toma di capra

2 Commenti Nascondi i commenti

Aggiungi commento

Translate »