Gnudi toscani
Prova gli antenati dei ravioli di magro!

0 0
Gnudi toscani

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Ingredienti

Adjust Servings:
per gli gnudi
600gr ricotta fresca
200gr spinaci cotti
200gr farina di quinoa
50gr farina di mandorle
20 gr farina di psillium puoi sostituire con farina di semi di carrube
3 tuorlo
un pizzico sale fino
per il condimento
30gr scalogno
qualche fogliolina salvia
40gr olio evo
40gr pecorino (stagionato)
un pizzico pepe nero a mulino no gruppo AB

Quante volte a settimana

pranzo
1 volta al mese

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • senza glutine
  • senza semi
  • senza zucchero

Insoliti ravioli, senza involucro, praticamente delicati gnocchi di ricotta e spinaci, squisiti.

  • 30 minuti
  • Porzioni 4
  • Media

Ingredienti

  • per gli gnudi

  • per il condimento

Introduzione

Condividi

Gli gnudi toscani, veramente buoni, sono veloci da realizzare e sicuramente piaceranno anche ai più piccoli.

Questa è un’ottima ricetta della cucina regionale toscana: gli gnudi sono molto delicati in cottura, specialmente perchè non abbiamo la gelatinizzazione del glutine mentre li cuociamo. Per questo il composto, otre che alle uova, va aiutato nella coesione con farina di psillio che gelifica. Puoi sostituirla con farina di semi di carrube.

I ravioli senza involucro (ovvero “gnudi”) sono presenti nella cucina italiana già dalla  metà del Quattrocento. Ne parla Mastro Martino da Como nel suo “Libro de arte Coquinaria”  e successivamente , nella seconda metà del Cinquecento,  Bartolomeo Scappi (cuoco personale del Papa), nel suo trattato “Opera” .

Essendo costituiti solo dal “ripieno” dei classici ravioli di magro, risultano più leggeri.

(Visited 472 times, 1 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
20 minuti

prepara gli gnudi

Tosta in padella per un paio di minuti la farina di mandorle, continuando a rimestare con un cucchiaio di gomma. Mescola la farina di mandorle con la farina di psillium e 100gr di farina di quinoa. Riunisci in una boule la ricotta, i tuorli, le farine, gli spinaci tritati e strizzati benissimo, la noce moscata grattugiata, sale e amalgama fino ad ottenere un impasto consistente, sufficientemente sodo ma soffice.
Con il palmo delle mani inumidito, oppure con due cucchiai, forma tante quenelle grandi come una noce, passale nella farina di quinoa rimasta. Fai molta attenzione gli gnudi dovranno restare compatti durante la cottura.

2
Fatto
5 minuti

prepara il condimento

Trita finemente lo scalogno e fallo appassire in un velo d'olio caldo con la salvia, a fuoco basso, per qualche minuto. Fai questa operazione mentre gli gnudi cuociono.

3
Fatto
5 minuti

cuoci gli gnudi e finisci il piatto

Lessa gli gnudi in abbondante acqua salata al piccolo bollore per 3 o 4 minuti o fin quando verranno a galla, scolali con mestolo forato e trasferiscili su una placca riscaldata. Disponi 5 gnudi su ogni piatto a guisa di fiore e irrora con l'olio alla salvia. Servi con una spolverata di pepe macinato fresco e pecorino grattugiato

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Tortelli di patate alla barbabietola con salmone
successiva
Kanederli in salsa di pomodoro
precedente
Tortelli di patate alla barbabietola con salmone
successiva
Kanederli in salsa di pomodoro

Aggiungi commento

Translate »