Muffins Vancouver al salmone
Provali, saranno una piacevolmente sorpresa per le tue colazioni salate della domenica!

0 0
Muffins Vancouver al salmone

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredients

Adjust Servings:
per i muffins
140gr farina di grano saraceno no B AB, utilizza farina di quinoa
140gr farina di mandorle
200ml latte di mandorle
150gr salmone non affumicato
30gr burro vegetale
30gr maionese
5gr senape in polvere
2 uova
mezzo succo di limone
di mezzo limone buccia di limone
8gr bicarbonato
3 gr sale fino
per la salsa al salmone
120gr salmone non affumicato
180ml latte di mandorle
20gr cipollotto fresco
4gr farina di semi di carrube
20 gr olio di vinacciolo
un ciuffo aneto
un pizzico pepe nero a mulino no gruppo A AB
un pizzico sale fino
50gr radicchio veronese

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Features:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B

Il salmone nei muffins e nell'accompagnamento: un delizioso insieme per le tue colazioni dei giorni di festa , ma anche per un buffet.

  • 40 minuti
  • Serves 6
  • Medium

Ingredients

  • per i muffins

  • per la salsa al salmone

Directions

Share

I muffins Vancouver al salmone sono una raffinata colazione salata, perfetta per i brunch domenicali, nella stagione fredda. Ti sorprenderà il delizioso sapore dei muffins, croccanti fuori e korbidi all’interno, accompagnato dalla gustosa salsa al salmone.

Nell’ Inghilterra Vittoriana, i domestici delle famiglie nobili erano soliti mangiare dei dolcetti squisiti. Si narra che i cuochi delle varie famiglie, preparassero con il pane avanzato del giorno prima, i ritagli dei biscotti e le patate schiacciate, delle piccole palline che venivano cotte su di una piastra unta, rendendo l’impasto leggero e croccante. I domestici non riuscirono a nascondere questa leccornia per molto tempo e ben presto, il segreto venne a galla e tutti iniziarono a gustare questa semplice prelibatezza all’ora del tè.

Anche i fornai vollero preparare i Muffin e con il passare del tempo, per le strade di Londra comparve una nuova figura, l’Uomo dei Muffin o “Muffin man”, il quale passeggiando per le vie della città, portava appeso al collo un vassoio pieno di Muffin, che la gente acquistava durante le uscite pomeridiane, uno street food ante litteram.

Oggi i Muffin spopolano, sono simili a dei piccoli cupcake ma senza glassa,  possono essere dolci o salati, come nella ricetta che ti propongo oggi per una sostanziosa colazione.

Il Muffin inglese ha un parente americano, simile ma non uguale, perchè quello inglese è piatto, solitamente ha la forma di un disco e presenta delle crepe sulla superficie, perchè è tradizionalmente cotto sulla griglia. 

Il cugino americano è un  dolcetto cotto dentro a dei stampini monoporzione e in origine lievitava grazie all’utilizzo del carbonato di potassio, oggi ancora si usa sostanzialmente baking powder.

L’origine del nome è incerto, come spesso accade , il termine originariamente scritto “moofin”, viene attribuito da alcuni, alla parola francese mouflet (pane soffice),mentre per altri deriva dal tedesco muffen (piccola torta).

Americano o Inglese,grande o piccolo, dolce o salato, il muffin è diventato un passepartout per colazioni, take away, merende, anche nella nostra dieta del gruppo sanguigno.

In particolare questi muffins salati sono una specialità di Vancouver, al salmone (loro affumicato) , veramente gustosi, li ho gemellati ad una delicata salsa , sempre a base di salmone, ingrediente principe della dieta del gruppo sanguigno.

Il burro vegetale, che nel mio ricettario chiamo margarina all’olio extravergine, è facilissimo da realizzare.

Per questa ricetta ho utilizzato:

farina di grano saraceno

farina di semi di carrube

senape in polvere

(Visited 742 times, 1 visits today)

Steps

1
Done
10 minuti

prepara il composto dei muffins

Ungi degli stampi per muffins piccoli e accendi il forno a 180 °C. Trita il salmone. Setaccia in una boule le farine, il bicarbonato, il sale e la buccia di limone. In un'altra boule monta le uova con il burro vegetale, il latte di mandorle, la maionese, la senape e il succo di limone. Incorpora il salmone tritato. Versa il composto al centro delle farine e amalgama velocemente con una spatola.

2
Done
25 minuti circa

cuoci i muffins

Riempi a metà gli stampi con il composto dei muffins e inforna per circa 20/25 minuti, devono essere leggermente dorati. Attendi che siamo tiepidi per sformarli.

3
Done
5 minuti

prepara gli ingredienti dell' accompagnamento

Trita il salmone e l'aneto. Taglia a julienne fine il radicchio. Frulla il latte di mandorle con la farina di semi di carrube.

4
Done
5 minuti

fai la salsa al salmone e servi

Fai addensare il latte di mandorle a fuoco dolce, con una frusta per non formare grumi. Fai ammorbidire la cipolla nell'olio, in un wok, a fuoco dolce. Versaci dentro il latte di mandorle addensato e mescola un paio di minuti, sempre a fuoco dolce. Sposta dal fuoco e incorpora il salmone e l'aneto, continuando a mescolare. Servi tiepida con i muffins e il radicchio.

SaraGiulia

Recipe Reviews

There are no reviews for this recipe yet, use a form below to write your review
previous
Pancakes con sgombro fresco e germogli
next
Blini di grano saraceno con aringhe fresche
previous
Pancakes con sgombro fresco e germogli
next
Blini di grano saraceno con aringhe fresche

4 Comments Hide Comments

ciao Saragiulia, leggendo la ricetta per i muffin vancouver, all’inizio della spiegazione per l’impasto, parli di lievito. Come voce specifica tra gli ingredienti non viene menzionato. Esattamente di quale lievito parli? Grazie in anticipo e saluti

ciao Cinzia, è il bicarbonato che compare nell’elenco ingredienti (8g). Le trascrizioni mi fanno dannare e certe volte gi sono degli errori di battitura. Grazie per avermelo fatto notare. Ho corretto. 🙂

Add Your Comment

Translate »