Pandoro a lievitazione istantanea
Ottimo: scopri la ricetta!

0 0
Pandoro a lievitazione istantanea

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Nutritional information

occasioni speciali
Features:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi

Di facile e veloce esecuzione, ben alveolato, adatto a tutta la famiglia.

  • 1 ora e 20 minuti
  • Serves 8
  • Easy

Ingredients

Directions

Share

Il pandoro a lievitazione istantanea è un buon compromesso, realizzato con le farine che abbiamo a disposizione.

Personalmente lo chiamo non-pandoro, come ho chiamato non-panettoncini i dolci (per altro molto buoni) che ho realizzato anni fa a guisa di panettone:

Non-panettoncini al cedro

Questo a onore dei veri impasti di pandoro e panettone, lontanissimi da questa seppur accurata imitazione.

Il pandoro e il panettone a lunga lievitazione (ricetta classica) con le nostre farine sono accessibili SOLO frequentando i corsi della nostra scuola al momento. Realizzeremo nel 2021 il videocorso on line su questo tema.

In ogni caso il pandoro a lievitazione istantanea piacerà a tutta la famiglia… perché è buono.

Per questo tipo di dolci in ogni caso è indispensabile il burro vegetale per dolci, impensabile realizzarli con l’olio:

Burro vegetale per dolci

qui pui trovare gli stampi per pandoro:

100 g carinissimi e perfetti per regalo

500g il peso ideale con le nostre farine

750g il peso massimo consigliato per le nostre farine

;

Infine, alla scuoladicucinagrupposanguigno, abbiamo utilizzato la farina di chufa fine per la realizzazione del pandoro a lievitazione istantanea. Puoi utilizzare altre farine, come quinoa o grano saraceno. I sapore naturalmente cambia.

La Chufa, questa sconosciuta

Puoi guardare i passi salienti della ricetta in questo video:




(Visited 12.179 times, 2 visits today)

Steps

1
Done
5 minuti

prepara gli ingreidienti

Ungi uno stampo medio per pandoro (700g) con il burro vegetale, poi passalo con la farina di mandorle, senza lasciarne sul fondo. (per questa operazione batti lo stampo sul tavolo ed elimina la farina in eccesso). Setaccia le due farine (chufa e mandorle) con lo psillio, il bicarbonato, il cremortartaro e la vaniglia.

2
Done
15 minuti

prepara l'impasto

Monta a lungo con le fruste elettriche le uova con lo zucchero fino a quando sono molto gonfie e spumose (almeno 5/7 minuti), incorporando anche il marsala. Unisci anche il latte di mandorle e il burro. Incorpora anche le farine fino ad ottenere un composto vellutato.

3
Done
1 ora

cuoci

Versa il composto nello stampo per pandoro unto con burro vegetale per dolci e spolverato con la farina di mandorle. Cuoci a 160 °C per circa 1 ora. e 20 minuti. Fai comunque la prova stecchino prima di estrarre.

4
Done
più ore

raffredda

Lascia raffreddare completamente il pandoro su una gratella, nel suo stampo, capovolto. Quando è raffreddato si staccherà facilmente dallo stampo. Cospargilo di zucchero a velo. Si conserva 2 o 3 giorni a temperatura ambiente.

SaraGiulia

previous
Scones salati
next
Panettone basso genovese
previous
Scones salati
next
Panettone basso genovese

12 Comments Hide Comments

NO non ti viene. Utilizza tutta farina di quinoa termotrattata 3 ore in forno a 90°C in strati sottili oppure farina di chufa

    Ciao Sara, vorrei fare il pandoro, ho comprato stampini monoporzioni da 70 gr, ma per patologie non posso assumere zuccheri, pensi venga bene lo stesso non mettendo lo zucchero?

      Sara giulia, ci sono persone che non possono ricadere nello zucchero. Invece di date certe risposte, cerchiamo di essere VERAMENTE alternativi e sperimentiamo senza lo zucchero. Non è un ingrediente imprescindibile!

        Gentile Roberta, perdonami ma insegno a cucinare da + di 20 annie conosco molto bene gli ingredienti nella loro struttura e nelle loro reazioni chicmiche. Lo zucchero in questo caso è STRUTTURALE perchè è un dolce della tradizione con certe caratteritiche. Se ti fai la tortina di carote è un altro conto. Non puoi fare un pandoro o un pandispagna SENZA ZUCCHERO , il pandispagna viene una bella frittata che sa di uova, il pandoro viene un pane a lievitazione istantanea. NON esistono DOLCI SENZA ZUCCHERO! si può in alcuni casi dolcificare con frutta essiccata oppure altri ingredienti superfood (che spieghiamo molto dettagliatamente nei nostri corsi). abbiamo già strasperimentato e continuiamo a farlo, con competenza professionale naturalmente. Personalmente ho avuto un lungo periodo in cui non potevo mangiare zuccheri per una patologia importante …non mi sono mai sognata di cercare surrogati, quelle robette insapori e gnucche. Non ho mangiato dolci per 8 mesi senza nenche pensarci. Poi quando sono tornata in salute ho rinizato a mangiare saltuariamente dolci buoni, degni di questo nome 🙂

          Ma è lo zucchero in forma cristallina che ha funzione strutturale o potrebbe andare bene anche un altro dolcificante tipo melassa o sciroppo d’acero, sciroppo di carrube? Grazie per la rosposta

            Zucchero cristallino funzione strutturale. Gli altri che hai citato non vanno assolutamente bene. A scuola facciamo varie lezioni sui dolci alveolati senza zucchero 🙂

              Grazie, immaginavo. Ho fatto la ricetta a Natale, sapore ottimo, alveolato come in foto (stampo da 500 grammi) cottura 1 ora e 20 e prova stecchino apparentemente superata. Ma il dolce in realtà è rimasto molto molto umido. È un po’ così per natura? Ho usato chufa setacciata.

                è la chufa, e poi ogni forno è un piccolo mondo, puoi aumentare la cottura . se lo fai di teff non è umido

                  Add Your Comment

                  Translate »