Pizzoccheri tradizionali
Squisiti: scopri la ricetta!

0 0
Pizzoccheri tradizionali

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Ingredienti

Adjust Servings:
per i pizzoccheri
350 g farina di grano saraceno chiara
22 g lecitina di soia polverizzata
5 g farina di bucce di psillio
3 uova medie
2 cucchiai acqua tiepida
1 cucchiaio olio evo o vinacciolo
1 pizzico sale fino
per il condimento
500 g verza
250 g pastinaca
4 cucchiai olio evo o vinacciolo
1 grosso spicchio aglio
qualche foglia salvia
80 g formaggio di capra semistagionato
1 cucchiaio sale grosso

Quante volte a settimana

occasioni speciali

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Squisiti, con la ricetta della tradizione alleggerita.

  • 50 minuti
  • Porzioni 6
  • Media

Ingredienti

  • per i pizzoccheri

  • per il condimento

Introduzione

Condividi

I pizzoccheri tradizionali sono un piatto squisito della cucina valtellinese, che puoi realizzare a casa con alcune varianti.

Alla scuoladicucinagrupposanguigno li abbiamo preparati l’anno scorso, con ottimi risultati.

In particolare, la tenuta in cottura della pasta fresca realizzata con queste farine speciali, è fondamentale: siamo nel paese della pasta e ci ricordiamo quanto è buona, elastica e perfetta la pasta fresca fatta con farine convenzionali. Non possiamo creare una pasta che si rompe tutta in cottura, non è degna della nostra cultura! A questo proposito, leggi l’articolo di approfondimento, in cui ti spiego dettagliatamente perché aggiungiamo gli additivi naturali:

Fare una buona pasta fresca di legumi e pseudocereali

Per realizzare i pizzoccheri tradizionali, utilizza farina di grano saraceno chiara (fine), non quella per polenta, perchè ha una granulometria troppo grossa. La trovi nei negozi bio oppure online:

Abbiamo alleggerito la ricetta tradizionale dei pizzoccheri tradizionali, sostituendo le patate con pastinaca (la nonna delle patate), puoi anche ometterla. Qui l’articolo di approfondimento:

Pastinaca: la nonna delle patate

Inoltre abbiamo sostituito il formaggio di malga con formaggio di capra semistagionato.

(Visited 1.074 times, 1 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
5 minuti + riposo

prepara la pasta dei pizzoccheri

Frulla le uova con la lecitina e la farina di bucce di psillio fino a quando la lecitina è sciolta. Trasferisci il composto unendo gli altri ingredienti nel robot da cucina e ottieni una palla morbida e soda al contempo. Può darsi che ci voglia qualche cucchiaio d'acqua. Avvolgi nella pellicola e fai riposare mezz'ora a temperatura ambiente.

2
Fatto
20 minuti

confeziona i pizzoccheri

Riprendi la pasta e dividila in panetti, a cui darai una forma rettangolare con il mattarello. Tira i panetti nella sfogliatrice, ripiegandoli 3 volte e passandoli 3 volte alle prime due tacche della sfogliatrice. Prosegui ad assottigliare la sfoglia fino alla terzultima tacca. Ricava delle tagliatelle corte, anche sovrapponendo più sfoglie, da 1 x 6 cm, con un grosso coltello o con la rotella liscia. Trasferiscile su vassoi infarinati.

3
Fatto
20 minuti

prepara il condimento

Taglia a julienne molto fine la verza. Togli l'anima e la buccia all'aglio e schiaccialo. Taglia la pastinaca a fette da mezzo cm e poi ricava dei cubetti. Grattugia il formaggio di capra con la grattugia a fori grossi. Metti a bollire una casseruola con acqua salata. Tuffa la verza e la pastinaca nell'acqua bollente e fai cuocere cira 8 minuti.

4
Fatto
10 minuti

finisci la cottura

Nel frattempo fai rosolare l'aglio e la salvia nell'olio. Dopo 8 minuti metti nella casseruola con la verza anche i pizzoccheri. Dopo circa 5 minuti scola tutto e versa in una zuppiera, condendo a strati con l'olio all'aglio e salvia e il pecorino a scaglie.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Tagliatelle di piselli con carciofi e bottarga
successiva
Pizza “chiena” alla scarola
precedente
Tagliatelle di piselli con carciofi e bottarga
successiva
Pizza “chiena” alla scarola

Aggiungi commento

Translate »