Risotto ai porri e cime di rapa
gustoso: scopri la ricetta!

0 0
Risotto ai porri e cime di rapa

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Ingredienti

Adjust Servings:
320 g riso carnaroli
900 ml circa brodo vegetale
500 g cime di rapa
2 porri
1 spicchio aglio
100/50 g form capra semistag/lievito in fiocchi
3 cucchiai olio evo o vinacciolo
1 pizzico pepe di cayenna no gruppi A AB
a piacere sale fino

Quante volte a settimana

pranzo
1 volta a settimana

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • senza frutta secca
  • senza glutine
  • senza semi
  • senza uova
  • senza zucchero

Un pieno di sapore.

  • 35 minuti
  • Porzioni 4
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Il risotto ai porri e cime di rapa è un piatto veloce e veramente saporito.

Per preparare il risotto ai porri e cime di rapa regola d’arte, segui queste indicazioni:

  • riso carnaroli: il migliore per preparare i risotti. Tutta via io sono mezza veneta e per certi risotti preferisco il riso vialone nano.
  • soffritto sì/noil cosiddetto soffritto con cui far partire il risotto, nella cucina professionale non si fa più da anni. Molto meglio preparare la cipolla a parte brasata nell’olio e aggiungerla a metà cottura.
  • porzioni: 70/80 g di riso a testa. Con quello che avanza puoi preparare il mitico risotto al salto alla milanese
  • brodo: in teoria 350 ml di brodo ogni 100 g di riso. Tuttavia non è un’indicazione matematica, ci sono mille varianti
  • sfumare con il vino: in teoria nello stile alimentare dei gruppi sanguigni è sconsigliato associare il vino ai cereali. Ma un conto è berlo, un conto è una piccola sfumata che evapora in cottura. Fai tu. In ogni caso nella cucina professionale oggi molti risotti non si sfumano con il vino.
  • mantecare: rigorosamente fuori fuoco, facendo roteare la casseruola e mescolando con un  cucchiaio di gomma/legno.
  • onda: da Gualtiero Marchesi in avanti i risotti sono diventati molto più buoni di quello di mia madre, ovvero al mattone. All’onda significa morbido, che puoi allargare sul piatto battendolo sotto con il palmo della mano.
  • con cosa mantecare: gruppi 0 e B anche con una noce di burro. Tutti con formaggio di capra semistagionato. Se c’è presenza di carne come in questo caso, con lievito in fiocchi disattivato (il formaggio vegano).
(Visited 953 times, 1 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
15 minuti

prepara gli ingredienti

Taglia i porri a rondelle sottilissime. Priva l'aglio sbucciato dell'anima. Monda le cime di rapa, tagliale grossolanamente e sciacquale bene. Fai brasare i porri, l'aglio e e le cime di rapa in un velo d'olio caldo, per circa 5 minuti, o fino a quando sono ammorbidite. Tieni da parte.

2
Fatto
10 minuti

fai partire il risotto

Tosta il riso a secco in una casseruola antiaderente (o da risotti). Quando è caldissimo sfumalo con un paio di mestoli di brodo bollente. Continua rimestare il risotto aggiungendo brodo.

3
Fatto
7 minuti circa

completa la cottura del risotto

Dopo 10 minuti aggiungi le cime di rapa con i porri al risotto e prosegui la cottura, continuando a rimestare e ad aggiungere brodo. Quando il riso è aldente spegni il fuoco.

4
Fatto
3 minuti

manteca

Manteca il risotto con il formaggio di capra semistagionato a cubetti (100 g), oppure con il lievito in fiocchi (50 g). Ovvero fai roteare la casseruola e contemporaneamente gira il cucchiaio al centro del risotto. Servi con una spolverata di pepe di Cayenna (solo gruppi 0 B).

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Torta dolce al radicchio di Chioggia
successiva
Zuppa di cipolle alla francese
precedente
Torta dolce al radicchio di Chioggia
successiva
Zuppa di cipolle alla francese

Aggiungi commento

Translate »