Rombo al forno con patate dolci
Squisito: scopri la ricetta!

0 0
Rombo al forno con patate dolci

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Ingredienti

Adjust Servings:
1 kg rombo
600 g patate dolci bianche
qualche cucchiaio olio evo o vinacciolo
2 spicchi aglio
2 cucchiai rosmarino tritato fine
quanto basta pepe nero a mulino no gruppo AB
quanto basta sale fino

Quante volte a settimana

pranzo/cena
1 volta a settimana

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • gruppo 0
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • Perdi Peso
  • senza frutta secca
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi
  • senza uova
  • senza zucchero

Un pesce dalle carni bianche morbidissime e delicate.

  • 55 minuti
  • Porzioni 4
  • Facile

Ingredienti

Introduzione

Condividi

Il rombo al forno con patate dolci è un must della cucina classica, veramente squisito.

Lo abbiamo preparato alla scuoladicucinagrupposanguigno appunto con le patate dolci, più leggere e adatte al gruppo 0. I gruppi B e AB possono cucinarlo con le patate comuni (gialle).

Per una resa perfetta abbiamo tolto la pelle superiore al rombo: non è un’operazione facile, puoi fartela fare dal tuo pescivendolo d fiducia, oppure lasciare la pelle superiore.

Ci sono due tipi di rombo, il più pregiato è quello chiodato sulla pelle superiore. E’ un pesce dalle carni bianche morbidissime e dolci, pregiato per il suo sapore delicato. Lo trovi solo pescato, non cresce in allevamento. Ha molto scarto, quasi il 70% quindi calcola 1 rombo da 1 kg minimo per 4 persone.

Per cucinare al meglio il rombo al forno con patate dolci, leggi questi suggerimenti generali sul pesce:

  • sceglilo fresco: branchie rosse, occhio sporgente, carni sode, pelle lucida, pescivendolo fidato; queste le coordinate
  • sceglilo pescato: se ti è possibile, magari per le occasioni speciali, acquista pesce pescato, indubbiamente superiore come sapore, consistenza, proprietà nutrizionali.
  • grosso è meglio: contrariamente alle carni animali, il pesce più è grosso, migliore è la sua polpa.
  • decongelare: rigorosamente in frigo, dal giorno prima per pezzature dal kilo in su, la notte prima per pezzature da 400 g.
  • comprati il coltello sfilettapesce: riuscirai a sfilettare, cubettare, tranciare il pesce, eliminare pinne e bordi frastagliati con facilità. (il primo che ti indico ovviamente è il migliore, anche come rapporto qualità/prezzo).

  • forbici da pesce: utilissime per eliminare pinne e bordi frastagliati velocemente e con facilità:

  • fuori frigo: almeno mezz’ora prima di cuocerlo, specialmente alla griglia
  • asciugarlo bene: prima di cuocere i pesci tamponali con carta cucina: sulla griglia non faranno acqua e prenderanno bene le panature
  • squamarlo: ricordati di squamare il pesce con la pelle prima di cuocerlo, con un coltello affilato, sotto acqua corrente, andando nella direzione contraria alle squame. La pelle croccante del pesce è buonissima e molto salutare. A questo proposito ci sono ottimi desquamatori che evitano lo spargimento delle squame nella tua cucina:

  • 15 minuti ogni mezzo kg: più o meno la cottura giusta del pesce intero al forno.
  • marinature brevi: al contrario della carne, il pesce vuole marinature dai 10 minuti alla mezz’ora massimo
  • variare!: ovvero non solo salmone e merluzzo. A seconda del tuo gruppo sanguigno ci sono molti pesci buonissimi da gustare.
  • fuorilista: nè Peter d’Adamo (USA), nè dr Mozzi (montagna emiliana), hanno avuto modo di testare moltissimi pesci, perché la tipologia di pazienti che vive al nord non mangia pesce. Eppure ci sono il rombo, il san pietro, l’ombrina, lo scorfano , la gallinella, il pesce spatola e decine di altri buonissimi pesci. Testa su te stessa se li puoi mangiare senza problemi.

Per tagliare le patate sottili, operazione fondamentale, altrimenti bruciano senza cuocere, utilizza una buona mandolina professionale (con la sicurezza antitaglio) o l’affettatrice:

Ora hai tutte le informazioni per preparare al meglio il rombo al forno con patate dolci.

(Visited 352 times, 1 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
10 minuti

prepara il rombo

Ribalta il rombo: incidi la pelle inferiore nella parte molle vicino alla testa ed estrai le viscere con un coltellino se non lo ha fatto il pescivendolo. Riporta il rombo con la parte scura sopra. Taglia le pinne del rombo con una forbice, andando tutto intorno ai bordi del pesce. Incidi diagonalmente la pelle superiore vicino alla testa. Incidi profondamente la pelle anche al livello della coda, con un coltellino, poi solleva la pelle e prendila in mano stringendola con un pezzo di carta cucina. Strappa lentamente e con forza tutta la pelle del rombo. Se questa ultima operazione è troppo difficile per te, chiedi di farla al tuo pescivendolo, oppure lascia la pelle superiore.

2
Fatto
5 minuti

prepara gli altri ingredienti

Elimina l'anima dell'aglio. Tritalo grossolanamente. Gratta la buccia delle patate dolci con un pelapatate. Tagliale a fette da 2/3 mm con una mandolina o l'affettarice.

3
Fatto
5 minuti

disponi il pesce e le patate per la cottura

Condisci con abbondante olio, rosmarino, sale e pepe le fettine di patate. Disponine metà su una leccarda rivestita con carta forno, leggermente sovrapposte. Adagia il rombo sopra. Ungi la pelle, regola di sale pepe e rosmarino e ricopri con il resto delle fettine di patate, sempre leggermente sovrapposte.

4
Fatto
35 minuti circa

cuoci

Inforna il rombo con patate dolci a 180°C per circa 35 minuti. E' cotto quando vedi le carni leggermente sollevate.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Dentice al forno agli agrumi
successiva
Insalata russa ricca
precedente
Dentice al forno agli agrumi
successiva
Insalata russa ricca

Aggiungi commento

Translate »