Stinco di vitello cotto a bassa temperatura

0 0
Stinco di vitello cotto a bassa temperatura

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredients

Adjust Servings:
per lo stinco
1 stinco di vitello
1 cucchiaio rosmarino/salvia polverizzati
50 ml vino bianco secco
50 ml marsala secco
1 carota
1 gambo sedano
mezza cipolla bionda
1 spicchio aglio
3 cucchiai olio evo
1 pizzico pepe nero a mulino
a piacere sale fino
per gli ortaggi glassati
200 g piselli freschi/gelo
200 g carota
2 cipollotto fresco
quanto basta brodo vegetale
qualche cucchiaio fondo di cottura dello stinco
a piacere sale fino

Nutritional information

pranzo/cena
1 volta a settimana

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Features:
  • Diabete
  • gruppo 0
  • gruppo B
  • Perdi Peso
  • senza amidi
  • senza frutta secca
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi
  • senza uova
  • senza zucchero
  • Tiroide

Una tecnica eccellente per carni morbidissime e salutari.

  • 9 ore e 20 minuti
  • Serves 4
  • Easy

Ingredients

  • per lo stinco

  • per gli ortaggi glassati

Directions

Share

Lo stinco di vitello cotto a bassa temperatura è un piatto veramente squisito, dove le carni si sciolgono in bocca.

Un piatto domenicale, degno delle festività della dieta del gruppo sanguigno dei gruppi 0 e B. Spesso utilizziamo lo stinco sotto forma di ossibuchi, ovvero segato in tranci. Lo stinco al forno è una vera prelibatezza, procurati il taglio di carne dal tuo macellaio di fiducia.

Per lo stinco di vitello cotto a bassa temperatura, si usa di preferenza il geretto di vitello posteriore che è il più tenero, ovvero il polpaccio posteriore. E’ quello per intenderci, da cui si ricavano appunto le fette per fare gli ossibuchi, ed è comprensivo di osso centrale con il prezioso midollo, anche se non riuscirai facilmente a raggiungerlo, a meno che tu non sia dotata di sega circolare… Questa preparazione è classica e buonissima: la lunga cottura conferisce allo stinco una particolare morbidezza e mostosità.

La tecnica di cottura a bassa temperatura è adottata dalla cucina professionale ormai da molti anni. Le carni, cuocendo per molte ore ad una temperatura di 80°C, mantengono inalterati succhi, mostosità e profumi. Con le cotture alte invece, i tessuti perdono subito acqua, diventando stopposi. E’ molto facile: basta avere un sacco cottura che trovi al supermercato e dimenticarti lo stinco in forno per tutta la notte. Rilascerà lentamente il suo sapido umore. Poi fai la doratura ad una temperatura più alta, togliendo il sacco e inserendo il condimento.

 

(Visited 1.231 times, 3 visits today)

Steps

1
Done
8 ore

prepara e cuoci lo stinco a bassa temperatura

Massaggia lo stinco con le erbe aromatiche, il sale e il pepe. Ungilo con olio evo. Inserisci lo stinco nel sacco cottura e chiudi. Trasferiscilo in forno, nche la sera per la mattina, in una pirofila, e cuocilo per 8 ore a 80°C.

2
Done
1 ora circa

termina la cottura dello stinco

Dopo 8 ore di cottura a bassa temperatura, si sarà formato del fondo di cottura nel sacchetto. Elimina il sacchetto e rimetti lo stinco nella pirofila con il suo fondo. Trita sedano carota, cipolla e aglio senza anima e aggiungili nella pirofila. Irrora con vino bianco secco e marsala. Prosegui ora la cottura per circa 1 ora a 170°C, facendo caramellare lo stinco. Giralo spesso e irroralo con il suo fondo di cottura.

3
Done
20 minuti

prepara gli ortaggi di contorno

Nel frattempo, taglia per il lungo i cipollotti e a fette diagonali, alte 2 cm le carote. Fai caramellare carote, cipollotti e piselli in un velo d'olio caldo,, regolando di sale e pepe. Irrora con poco brodo e qualche cucchiao del fondo di cottura dello stinco. Porta a cottura croccante.

4
Done
5 minuti

Servi

Per tagliare lo stinco, è’ sufficiente tenerlo fermo con un forchettone e, con un coltello molto affilato tagliare delle fette sottili di carne nel senso della lunghezza. La lunga cottura, facendo sciogliere il collagene, molto abbondante in questo taglio di carne, fa si che si formi una salsa glassata particolarmente gustosa e saporita. Per gustarla al meglio, il tutto deve essere ben caldo compresi i piatti, in cui servirai anche gli ortaggi glassati .

SaraGiulia

Recipe Reviews

There are no reviews for this recipe yet, use a form below to write your review
previous
Tartufini di castagne
next
Fusilli di riso rosso al radicchio
previous
Tartufini di castagne
next
Fusilli di riso rosso al radicchio

Add Your Comment

Translate »