Sugolo mantovano di uva fragola
Facile, leggero, goloso: scopri la ricetta!

0 0
Sugolo mantovano di uva fragola

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredients

Adjust Servings:
700 g uva fragola
50 g latte di mandorle (in polvere) puoi usare anche okara o farina di mandorle
40 g zucchero semolato
4 g agar agar

Nutritional information

entro il pomeriggio
1 volta a settimana

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Features:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • senza amidi
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi
  • senza uova

Il dolce popolare delle campagne mantovane durante la vendemmia.

  • 45 minuti
  • Serves 8
  • Easy

Ingredients

Directions

Share

Il sugolo mantovano di uva fragola è un dolce semplice e buonissimo che si prepara durante la vendemmia.

Tradizionalmente, nella zona del mantovano, si prepara in due modi: o a partire dal mosto cotto, oppure direttamente dagli acini messi a cuocere fino a quando si “crepano” (la crepàda). Poi si aggiunge farina e si lascia cuocere.

Un tempo la crepàda  era unita alla farina bianca e messa a cuocere in un paiolo di rame insieme a un’enorme chiave di ferro, che si riteneva in grado di neutralizzare i rischi tossici di ossidazione dell’interno della pentola.
Nelle case dei contadini si riempivano scodelle e zuppiere con il Sugolo ancora bollente e lo si lasciava riposare fino alla produzione della pelle, cioè della pellicola che si creava per raffreddamento e rapprendimento della superficie.
Gli intenditori dichiarano che il Sugolo migliore è quello che dopo qualche giorno lascia trapelare in superficie i cristalli di zucchero o, addirittura, è aggredito dalle muffe.

Io l’ho realizzato aggiungendo soltanto il 10% di zucchero e agar agar, con una cottura più veloce. Il risultato è squisito: sapore intenso e leggerezza in bocca. Ho sostituito la farina di frumento con latte di mandorle in polvere, completamente naturale e molto comodo, in quanto puoi dosarne l’intensità. (Lo trovi nei negozi bio). Non usare latte di mandorle liquido, se no sballi le proporzioni di agar agar . Al limite usa okara o farina di mandorle, anche se in questo modo, il dolce verrà più granuloso.

La riduzione a fuoco lento del succo d’uva, condensa gli zuccheri e lo rende particolarmente gustoso. L’indicazione del peso di uva da cui partire è indicativa: l’importante è ottenere 400 ml di succo d’uva.

Puoi utilizzare anche un’altra uva dolce, tipo la regina.

Per passare gli acini cotti e ottenere il succo d’uva, mi sono servita dell’estrattore. Tuttavia va benissimo anche un passa verdure a maglie fini.

Puoi dare una forma graziosa al sugolo mantovano di uva fragola versandolo in uno stampo da budino. Io ho degli stampi professionali di acciaio, lunghi e triangolari, per terrine, che mi hanno permesso di giocare con la preparazione.

(Visited 1.946 times, 5 visits today)

Steps

1
Done
15 minuti

Fai la "crepada"

Stacca gli acini dai graspi e lavali bene. Mettili a cuocere in una casseruola d'acciaio a fuoco basso fino a quando cominciano a rompersi.

2
Done
15 minuti

Ricava il succo d'uva

Passa più volte con l'estrattore o il passaverdura l'uva ammorbidita dalla cottura.

3
Done
20 minuti circa

Fai ridurre il succo d'uva

Rimetti il succo nella casseruola con lo zucchero e fallo ridurre a fuoco molto lento, fino a quando avrai ottenuto 400 ml di liquido.

4
Done
5 minuti

aggiungi gli altri ingredienti

Aggiungi il latte di mandorle in polvere e l'agar agar diluito in un mestolo di succo. Frusta molto bene per per mescolare perfettamente l'agar agar. Sempre sul fuoco basso.

5
Done
4 ore

fai raffreddare

Trasferisci il sugolo in uno stampo da budino bagnato con acqua fresca, oppure in stampini monoporzione. Lascia indurire in frigo per almeno 4 ore.

6
Done
2 minuti

sforma il sugolo

Immergi lo stampo in una bacinella con acqua calda per 1 minuto. Capovolgilo su un piatto di portata o sui piatti singoli.

SaraGiulia

Recipe Reviews

There are no reviews for this recipe yet, use a form below to write your review
previous
Budino di nocciola
next
Tapenade: una golosa salsa provenzale
previous
Budino di nocciola
next
Tapenade: una golosa salsa provenzale

Add Your Comment

Translate »