Tagliata di manzo
La ricetta perfetta per cuocerla al meglio!

0 0
Tagliata di manzo

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredients

Adjust Servings:
450 g controfiletto di manzo oppure taglio roast beef / entrecote
1 cucchiaio olio evo
1 pizzico sale fino

Nutritional information

pranzo
cena
3 volte a settimana

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Features:
  • Diabete
  • gruppo 0
  • gruppo B
  • Patologie Autoimmuni
  • Perdi Peso
  • senza amidi
  • senza frutta secca
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi
  • senza uova
  • senza zucchero
  • Tiroide

Per cuocere una tagliata ci sono vari accorgimenti, dal taglio della carne, alla padella giusta, al calore del fuoco e ai tempi di cottura.

  • 15 minuti
  • Serves 2
  • Easy

Ingredients

Directions

Share

A proposito di carne rossa, si fa un gran parlare di carne rossa che fa male, di animali trucidati etc.: la carne rossa fa male e infiamma i gruppi A e AB, mentre è il super alimento per noi gruppo 0 e per il gruppo B; lo testo continuamente, quando mi mangio carne cruda condita con olio sale e limone sento il mio corpo rinascere, con il salmone crudo è il cibo che più mi fa stare bene in assoluto.

E veniamo al come: utilizzo carni di allevatori consapevoli, che acquisto localmente quando sono in Piemonte, e anche qui vicino a  Lodi. A prezzi assolutamente competitivi con qualsiasi supermercato perché saltato il passaggio del negozio. Non ci sono scuse, cerca dove abiti allevatori simili, li troverai sicuramente. Ci sono anche ottimi produttori che consegnano facendo gli ordini online. Poi devi semplicemente avere un buon freezer.

Negli States, dove c’è una cultura del taglio della carne più diffusa e popolare, la chiamerebbero Strip-steak, per differenziarla dalla T-bone  e dalla Rib-eye-steak, altre tipologie di bistecche che si discostano, tra di esse, solo di poco.

Se la chiedessi in uno dei ristoranti di New York, dove è talmente tipica da essere stata rinominata New-York-Strip, ti servirebbero un meraviglioso pezzo di controfiletto (oppure sottofiletto), una parte morbida e con poco grasso, che ha la caratteristica di essere piuttosto saporita.

Trovare del controfiletto (ma andrà bene anche l’entrecote) in qualsiasi macelleria è piuttosto semplice, ma dovrai specificare al momento dell’acquisto che ti occorre per preparare una tagliata di manzo. Il macellaio ti consegnerà un bel pezzo intero e non delle bistecche già tagliate.

In ogni caso non scegliere mai un pezzo di carne troppo magro: per una cottura perfetta bisogna fare in modo che la tagliata risulti morbida e succulenta; questo può avvenire solamente se, oltre al muscolo, c’è un po’ di materia grassa intramuscolare. Se così non fosse, seguendo la preparazione della tagliata, otterresti la celeberrima “soletta”: una fetta di carne dura, stopposa e davvero poco invitante.

La caratteristica principale della preparazione della tagliata di manzo è che le fette di carne  dovranno avere una crosticina gustosa e croccante all’esterno ma all’interno dovranno essere ancora quasi crude oppure poco cotte, a seconda dei gusti dei tuoi ospiti (la famosa differenza tra “al sangue” e  “cottura media”).

Dunque la più importante prodezza culinaria che ti sarà richiesta per questa ricetta è proprio quella di realizzare la crosticina esterna, ovvero di far caramellare la carne lasciando l’interno più rosa. La famosa “reazione di Maillard”. Nell’articolo che trovi schiacciando la parola, il grande Dario Bressanini ti spiega cos’è la reazione di Maillard, cuore delle cotture.

L’assonanza dell’operazione con la parola “caramella” non è casuale: si tratta infatti di un processo che ha a che fare con qualcosa di dolce. La carne di manzo nasconde al suo interno zuccheri cosiddetti “riducenti” che danno il via ad una reazione chimica quando sottoposti al calore intenso della tua padella o della bistecchiera. È per questo che avrai innanzitutto bisogno di buone padelle, possibilmente in metallo con rivestimento antiaderente o ghisa, che possano garantirti alte temperature e calore omogeneo senza danneggiarsi e senza bruciare le carni.

L’ho servita con dei favolosi pomodori cuore di bue. Tu gruppo B accostaci della cicoria o delle patate al forno.

(Visited 1.303 times, 1 visits today)

Steps

1
Done
5 minuti

prepara la carne

La prima cosa che dovrai fare è ricordarti di tirare fuori la carne dal frigo almeno un’ora prima di procedere alla cottura, questo perché sarà meglio che tutto venga messo sui fornelli quando è a temperatura ambiente. Inoltre, per favorire la caramellizzazione, è bene assicurarsi che la superficie esterna della carne sia ben asciutta: per essere sicura, tampona con della carta assorbente prima di mettere sul fuoco.

2
Done
max 10 minuti

cuoci la tagliata

Per poter dare il via alla reazione che formerà la gustosa crosticina, dovrai far scaldare per bene la tua padella ad almeno 140 °C. Per questo è meglio evitare di aggiungere olio, specie extravergine d’oliva, perché a quelle temperature brucerebbe. È importante dunque scegliere un taglio con un po’ di grasso all’esterno: non ci sarà bisogno aggiungere altro.
Una volta che la tua padella sarà ben calda, adagia la carne e lascia che il calore intenso del fuoco vivo faccia il suo dovere. Saranno sufficienti dai 3 ai 5 minuti per una cottura al sangue, 6 o 7 per una cottura più decisa. Dipende dalla grandezza del pezzo: per la mia tagliata di chianina, presa a Canzo alla Biofera quando sono andata a sentire dr Mozzi sono bastati 5 minuti per parte.
Non toccare la carne e resisti alla tentazione di bucherellarla con la forchetta, fin quando non sarà passato questo tempo. Solo dopo potrai girarla dall'altra parte ed aspettare gli stessi minuti. È in questo modo che la tua tagliata, ancora intera, formerà la succulenta crosticina esterna che dà sapore e dona lo speciale colore bruno (non nero, sarebbe bruciato!) alla superficie.

3
Done
2 minuti

fai riposare la tagliata

I secondi di carne, come le bistecche, vanno mangiati caldi e su questo non c’è dubbio. Tuttavia un segreto professionale si nasconde nel minuto che passa dal momento in cui togli la carne dal fuoco all’attimo che inizi a tagliarla per servirla. Una manciata di secondi, ma qui c’è il trucco per una tagliata di manzo morbida e succulenta.
Dopo la cottura a fuoco vivo le fibre del muscolo che compongono il tuo controfiletto saranno irrigidite dal calore improvviso e violento a cui le hai sottoposte. Vicino ai bordi, le parti d’acqua che sono naturalmente all’interno della carne, si saranno asciugate. Per far sì che i succhi si distribuiscano in modo omogeneo, copri con la stagnola il tuo pezzo di carne e conta un minuto, al massimo due.Questo tempo è sufficiente a reidratare le parti più asciutte e non farà raffreddare il tuo piatto.

4
Done
1 minuto

taglia la tua tagliata

Solo adesso puoi fare a fette il tuo pezzo di carne e rendere omaggio al nome della ricetta: si chiama “tagliata” perché va servita a fette, spesse almeno un paio di centimetri. Tutto quello che dovrai fare è ricordarti di usare il coltello (ben affilato!) in modo da ottenere dei tagli obliqui, non perpendicolari. Questa accortezza contribuirà a rompere le fibre e a rendere ancora più morbida la carne. Se non hai aggiunto sale in precedenza puoi farlo ora, mentre un filo d’olio evo a crudo esalterà i sapori.

SaraGiulia

Recipe Reviews

There are no reviews for this recipe yet, use a form below to write your review
previous
Salmone laccato
next
Bracioline alla messinese
previous
Salmone laccato
next
Bracioline alla messinese

2 Comments Hide Comments

Add Your Comment

Translate »