Taralli di fave al finocchietto
Squisiti: scopri la ricetta!

0 0
Taralli di fave al finocchietto

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredients

Adjust Servings:
per l'impasto dei taralli
300 g farina di fave (denaturata)
150 g farina di mandorle
200 g acqua calda
125 g olio evo o vinacciolo
10 g semi di finocchio
7 g lecitina di soia
7 g sale fino
5 g bicarbonato
5 g cremortartaro
5 g inulina da cicoria
per la salamoia
2 cucchiai olio evo o vinacciolo
2 cucchiai acqua calda
1 grosso pizzico sale fino

Nutritional information

colazione/merenda
1 volta a settimana

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Features:
  • Diabete
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • Perdi Peso
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi
  • senza uova
  • senza zucchero

I veri taralli, senza uova e con la bollitura: croccanti e fragranti.

  • 1 ora e 5 minuti
  • Serves 8
  • Medium

Ingredients

  • per l'impasto dei taralli

  • per la salamoia

Directions

Share

I taralli di fave al finocchietto sono veramente buoni e croccanti.

I veri taralli non contengono uova e vanno prelessati qualche secondo prima della cottura in forno: questa operazione li renderà particolarmente friabili.

Forse hai già realizzato gli squisiti taralli intorchiati, preparati alla scuoladicucinagrupposanguigno l’anno scorso:

Taralli intorchiati

Quest’anno abbiamo realizzato i classici taralli al finocchietto , con farina di fave, naturalmente denaturata. La denaturazione delle proteine delle farine di legumi è fondamentale per ottenere impasti lavorabili, più digeribili e anche più buoni; qui ti spiego perché:

Denaturare…facciamo il punto sulle farine di legumi

I veri taralli, vogliono molto olio, non diminuire la dose indicata nella ricetta: non stiamo facendo dei grissini arrotolati! (magari con uova e senza bollitura…).

Per rendere facilmente lavorabile l’impasto dei taralli, aggiungiamo inulina, qui ti spiego cos’è e come utilizzarla:

Emulsionanti naturali: lecitine e inulina.

Trovi l’inulina online, questa è quella che acquistiamo noi:

I taralli di fave al finocchietto si conservano una settimana ben chiusi in barattoli di vetro.

Puoi vedere i passaggi fondamentali della ricetta in questo video:

(Visited 1.456 times, 5 visits today)

Steps

1
Done
5 minuti + riposo

prepara l'impasto

Mescola accuratamente le 2 farine (fave e mandorle) con il bicarbonato e il cremortartaro. Sciogli l'inulina, la lecitina e il sale nell'acqua, poi aggiungi l'olio. Impasta nella planetaria con la foglia. Aggiungi all'impasto i semi di finocchio. Fai riposare a temperatura ambiente per almeno 30 minuti.

2
Done
10 minuti

dai la forma ai taralli

Riprendi gli impasti, dividili in pezzi da 30 g ciascuno e dai la forma di un salametto. Richiudi a cerchio, sovrapponendo la parte finale.

3
Done
5 minuti + asciugatura

sbollentali

Porta a bollore dell'acqua leggermente salata e immergi con la mestola forata pochi taralli per volta. Appena stanno per affiorare toglili dall'acqua con la mestola forata. Disponi i taralli su una teglia rivestita con carta forno, ad asciugare e raffreddare.

4
Done
45 minuti circa

cuoci

Mescola l'acqua con l'olio e il sale della salamoia. Spennella leggermente i taralli. Inforna a 180 °C per circa 45 minuti, fino a quando li vedi leggermente dorati. Lascia raffreddare su una gratella.

SaraGiulia

Recipe Reviews

There are no reviews for this recipe yet, use a form below to write your review
previous
Cannoli salati alle due mousse
next
Tagliatelle di piselli con carciofi e bottarga
previous
Cannoli salati alle due mousse
next
Tagliatelle di piselli con carciofi e bottarga

Add Your Comment

Translate »