Tatin di cipolle caramellate
Squisita e delicata: scopri la ricetta!

0 1
Tatin di cipolle caramellate

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Ingredienti

Adjust Servings:
per la base di brisée
120 g farina di quinoa per gruppi 0 A AB anche farina di amaranto
120 g farina di mandorle
80 g burro di soia
2 g inulina da cicoria
1 uovo
quanto basta acqua ghiacciata
1 pizzico sale fino
per la parte sopra
6 grosse cipolla di tropea o altre a tua disposizione
40 g burro di soia
20 g zucchero semolato
1 cucchiaio acidulato di umeboshi
1 cucchiaino timo
1 pizzico pepe nero a mulino no gruppi A AB
quanto basta sale fino
per la guarnizione
200 g feta
3 foglie salvia

Quante volte a settimana

pranzo
1 volta a settimana

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • senza glutine
  • senza semi

Un torta salata insolita, che ti conquisterà per sapore e consistenza

  • 1 ora e 20 minuti
  • Porzioni 8
  • Facile

Ingredienti

  • per la base di brisée

  • per la parte sopra

  • per la guarnizione

Introduzione

Condividi

La tatin di cipolle caramellate è una gustosa torta salata che puoi realizzare con o senza latticini.

La tarte tatin classica è una celeberrima torta di mele rovesciata, originaria della Francia centrale. La ricetta è diventata talmente famosa da diventare un “sistema”, ovvero qualsiasi torta anche salata, con base brisée e frutta oppure ortaggi sotto, oggi viene chiamata tatin. Quindi via alla fantasia. Puoi realizzarla con pomodori, melanzane, zucchine, indivia, sedano rapa.

Questa vede protagoniste le cipolle, fresche e appena tolte dall’orto nella stagione estiva. Il top è realizzarla con le cipolle di Tropea, dolci e carnose.

Adoro le cipolle e cerco spesso varietà autoctone, di cui l’Italia è ricchissima. Sono tutte squisite e differenti per profumo e consistenza. Non solo Tropea quindi, anche quella rossa di Acquaviva, piatta e rustica, quella Paglina siciliana di Castrofilippo, non piccante, le squisite cipolle bianche chioggiotte, leggermente saline, o la delicata cipolla rosa di Bassano, per fare solo alcuni esempi. Quest’anno a Slow Food, mi sono caricata la borsa delle cipolle dei Presidi, in particolare la grande Cipolla Rosa Giarratana, dolce e fragrante, con cui ho preparato questa ricetta.

Ricordiamo che le cipolle sono una fonte di grandi benefici: ricche di minerali, vitamine, potentemente antiossidanti a causa della quercetina, e antinfiammatorie, specialmente delle vie urinarie. Inoltre riducono il colesterolo cattivo e proteggono l’apparato cardiovascolare. Senza dimenticare l’effetto disintossicante, diuretico e lassativo (per quest’ultimo cipolle cotte).

Per ottenere un’ottima pasta brisée, croccante e fragrante, è necessaria una massa grassa, ovvero il burro di soia, oppure la margarina fatta in casa. Con l’olio viene un  impasto asciutto e stopposo, non degno della nostra tatin, bilanciata tra morbidezza delle cipolle e croccantezza della base, ottenuta attraverso la lecitina di soia contenuta nel latte del burro o nella margarina. Inoltre ho aggiunto inulina, un polisaccaride totalmente naturale che aiuta la lavorazione e la coesione della brisée. Qui l’articolo per conoscerla meglio.

inulina da cicoria

Per realizzare le tarte tatin c’è uno stampo magnifico, in coccio, che ti consiglio di farti regalare:

Per brasare le cipolle, la padella ideale è l’onnipresente wok, che utilizzo per tutte le cotture di questo tipo.

(Visited 2.658 times, 1 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
5 minuti + riposo

prepara la brisée

Metti mezzo bocchiere d'acqua nel freezer Frulla l'inulina con l'uovo. Unisci tutti gli ingredienti nel robot da cucina, tranne l'acqua. Aziona e aggiungi 1 cucchiaio o due di acqua ghiacciata. Continua ad azionare il robot e ottieni una palla morbida che lascerai riposare in frigo 30 minuti.

2
Fatto
40 minuti

prepara la parte sopra

Taglia al velo le cipolle. Scalda il burro di soia con lo zucchero e il timo; fai brasare le cipolle molto lentamente, regolando di sale e pepe. Alla fine condisci con qualche goccia di acidulato di umeboshi.

3
Fatto
40 minuti

confeziona la tatin e cuoci

Rivesti una tortiera a sgancio diametro 23 con carta forno. Disponi a raggiera le cipolle con il loro intingolo, senza lasciare spazi. Stendi la brisè in un cerchio, tra due fogli di carta forno. Ricopri le cipolle con il cerchio di pasta, rimboccando leggermente i bordi e bucherellando la superficie con i rebbi di una forchetta. Inforna a 180 °C per circa trenta minuti, finché la pasta risulterà ben dorata.

4
Fatto
5 minuti

guarnisci la tatin

Lascia intiepidire la tatin nel suo stampo, su una gratella. Quando è quasi a temperatura ambiente, ribalta la tatin, togli lo stampo e distribuisci sopra la feta sbriciolata e le foglie di salvia tritate.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Cipolla al forno alla ligure
successiva
Cipolla ripiena al tonno
precedente
Cipolla al forno alla ligure
successiva
Cipolla ripiena al tonno

Un commento Nascondi i commenti

Aggiungi commento

Translate »