Tunnel of fudge cake
Favolosa: scopri la ricetta!

0 0
Tunnel of fudge cake

Condividi sul tuo social network:

Oppure puoi copiare e condividere questo indirizzo url

Quante volte a settimana

occasioni speciali

Aggiungi questa ricetta ai preferiti

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Caratteristiche:
  • gruppo 0
  • gruppo A
  • gruppo AB
  • gruppo B
  • senza glutine
  • senza lattosio
  • senza semi

La torta al cioccolato più famosa negli U.S.A.

  • 1 ora e 20 minuti
  • Porzioni 12
  • Media

Ingredienti

  • per la fudge

  • per la glassa

Introduzione

Condividi

Il tunnel of fudge cake è l’apoteosi della torta al cioccolato americana.

Squisita, burrosissima, opportunamente trasformata alla scuoladicucinagrupposanguigno, mantiene le sue caratteristiche di morbidezza e scioglievolezza, pur avendo meno che dimezzato la quantità di zuccheri utilizzati.

Il tunnel of fudge cake merita un po’ di storia, eccola:

C’era una volta, in Texas, un concorso annuale di torte, indetto dalla Pillsbury, nota marca di prodotti dolciari. Nel 1966 il secondo posto fu vinto da Mrs. Hella Helfrich, di Houston, ed ebbe un tale successo che ancora oggi è uno dei dolci più amati negli USA. Purtroppo, il dolce originale di Mrs. Helfrich non si può più fare, in quanto prevedeva dei preparati della ditta promotrice della gara, la Pillsbury appunto, che la ditta ha tolto dalla produzione, sia per il dolce che per la glassa. Ma di fronte alla levata di scudi delle casalinghe americane, che di disperavano per non poter più fare la loro torta preferita, la Pillusbury ha rilasciato tempo dopo una versione riveduta e corretta della torta di Hella, che non prevedesse più l’uso dei preparati non più in produzione ma che si potesse fare con i semplici ingredienti che tutti abbiamo a casa. Questo è anche il motivo per cui ci sono due tipi di zucchero, semolato e a velo, che compensano il preparato non più in produzione. Stessa cosa per la glassa, sostituita dalla Pillsbury con una semplice glassa a base di zucchero a velo, cacao e un paio di cucchiai di latte (ma che,  vi assicuro, risulta molto ma molto stucchevole: non per nulla l’abbiamo sostituita con una semplice glassa al cacao).

Ma un’altra curiosità sta nello stampo: quello usato da Hella ebbe un tale successo che incrementò moltissimo le vendite della ditta che li produceva; quella ditta era la Nordic Ware, che ancora oggi produce stampi tra i più belli e resistenti che ci siano in commercio. Io ne ho molti, per via della scuola, ma te ne basta uno e non userai altri che quello, perché ti fa sfornare torte cotte alla perfezione:

Insomma, una torta che non ha una storia, ma è una storia. Qui la mitica Hella:

Una precisazione:

la torta deve avere la consistenza di un fudge, ovvero deve risultare molto umida e cremosa, soprattutto all’interno verso il centro. Vale quindi la vecchia prova stecchino. Per verificare la cottura perfetta, inserisci uno stecchino prima nella parte del dolce più vicino ai bordi esterni dello stampo, che cuociono prima, e poi nel centro: lo stecchino dovrà risultare asciutto se inserito nei bordi esterni e “umido” e non pulito se inserito verso il centro del dolce, segno che il cuore è ancora morbido. Ecco, quella è la giusta consistenza del tunnel of fudge cake.

Per realizzare il tunnel of fudge cake abbiamo sostituito il burro vaccino con il nostro famoso burro vegetale per dolci, di cui trovi la facilissima ricetta qui:

Burro vegetale per dolci

Da tempo utilizziamo un altro ingrediente importante e che fa la differenza nell’impasto, ovvero il latte di mandorle in polvere. Lo usiamo per creare una specie di panna di mandorle, che dà morbidezza all’impasto e ingentilisce il sapore.  Con il latte di mandorle in polvere + acqua puoi creare un latte di mandorle denso, con il 30% circa di mandorle contenute nel liquido (a differenza di quello acquistato che ne contiene il 7, 8 %. E’ comodissimo perché non hai sprechi e prepari solo la dose che ti serve. Lo trovi nei negozi bio oppure online.

Ultima nota: da tempo termotrattiamo la farina di quinoa per 3 ore a 90°C, come le farine di legumi. Risulta molto meno amara e perde l’odore sgradevole.

(Visited 1.395 times, 1 visits today)

Fasi di lavorazione

1
Fatto
5 minuti

prepara lo stampo

Lascia ammorbidire il burro fino a quando riesci a prenderlo con un pennello. Spennella meticolosamente tutto uno stampo a ciambella, anche in tutte le fessure. Cospargilo con farina di noi o nocciole poi scuoti la farina in eccesso. Riponilo in frigo.

2
Fatto
10 minuti

prepara gli ingredienti

Setaccia la farina di quinoa con il cacao amaro e il cardamomo. Monta lo zucchero con il burro morbido e il marsala, nell'impastatrice con al foglia. Aggiungi il latte di mandorle e continua a montare.

3
Fatto
10 minuti

completa l'impasto

Incorpora ora le uova una alla volta, sempre montando con la foglia a bassa velocità. Poi aggiungi gradualmente lo zucchero a velo, sempre amalgamando con cura. Ora incorpora un po' alla volta la farina mescolata al cacao e infine la farina di noci o nocciole. L'impasto deve essere cremoso.

4
Fatto
1 ora

cuoci

Trasferisci l'impasto nello stampo, battilo sul piano di lavoro e livella la superficie con una spatola. Inforna a 170 °C , dapprima coperto con alluminio (30 minuti), poi scoperto per altri 30 minuti. Lascia raffreddare per 30 minuti poi capovogli lo stampo e finisci di far raffreddare capovolto.

5
Fatto
10 minuti

prepara la glassa e finisci il fudge cake

Mescola tutti gli ingredienti della glassa in una boule aiutandoti con una frusta a mano. Posiziona la torta su una gratella e ricopri con la glassa.

SaraGiulia

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sottostante per scrivere la tua recensione
precedente
Cotoletta di ortaggi all’indiana
successiva
Fusilli di ceci con carciofi tonno e pomodoro
precedente
Cotoletta di ortaggi all’indiana
successiva
Fusilli di ceci con carciofi tonno e pomodoro

2 Commenti Nascondi i commenti

Sara, se io uso la mia farina di quinoa fatta attraverso ammollo ed essiccazione dei chicchi, non ho bisogno di ritrattata, vero?

esatto cara , ammollo 8 ore poi risciacquo accurato poi essicazione a 100 °C per alcune ore (fino a quando è asciuttissima) poi riduzione a farina. In questo modo è già desaponata 🙂

Aggiungi commento

Translate »